06-08-2018

Riflusso biliare/colagogo/prurito

Buongiorno,

Soffro da almeno 8 mesi di un prurito diffuso sul corpo, di tipo migrante. Cio comporta la comparsa di bolle rosse sottocutanee, specialmente nella zona delle gambe ed ano,ed in forme leggermente piu lieve braccia ed il resto del corpo, eccetto viso e testa. Gli esami hanno escluso scabbia, ascaridi, allergie , ma solo evidenziato la presenza di riflusso biliare nella cistifelia: analisi sangue nella norma, inclusa bilirubina, trigliceridi normali,colesteroli prima alto poi attraverso dieta ridotto a valori normali.

Iniziata la cura x la bile ( deursil:prima 40 giorni gennaio/febbraio poi 3 mesi adesso, ancor da finire!) ed evitato cibi grassi o peggio fritti. Nonostante tutto il prurito e le manifestazioni cutanee non accennano a diminuire. Risultati gastroscopia ed ecografia svolti all`estero in dicembre 2017: L'esofago è percorribile, il suo muco rosa / assottigliato in punti è coperto di muco in n / 3 diffusamente iperemico.La carcassa non è completamente chiusa. Nel muco dello stomaco con una miscela di bile. Le pieghe sono nella media. La mucosa gastrica è moderatamente diffusamente iperemica. lo stomaco è edematoso, in alcuni punti è coperto di melma, nei luoghi è assottigliato. Il bulbo mucoso 12pc è iperemico edematoso.

Conclusione Piloroduodenit. Gastrite superficiale. Reflusso esofagite 1 grado di gravità. Controllo in dinamica. Cistifelia /nella cavità della vescica/pancreas/milza/ Cambiamenti diffusivi nel fegato e nel pancreas. Stagnazione della bile nella cistifellea. Pyelonephritis bilaterale cronico. Cologoga e fegato recupero La stasi della bile può trasformarsi in pietre

Risposta di:
Dr.ssa Maddalena ZippiDottore Premium
Specialista in Gastroenterologia e endoscopia digestiva
Risposta

Avendo gli indici di funzionalità epatica nella norma e non rispondendo al deursil non sembrerebbe un prurito legato a patologie epato-biliari. Generalmente il prurito che accompagna queste patologie non presenta come manifestazione bolle, come descrive. comunque, dati gli accertamenti già fatti, doserei autoanticorpi per patologie epatiche ed eventualmente eseguirei una colangio risonanza. le consiglio una visita gastroenterologica dove rivalutare con il collega tutta la documentazione.

TAG: Adulti | Apparato Digerente | Arti inferiori | Epatologia | Esami | Fegato | Gastroenterologia | Giovani | Infiammazioni | Pelle | Radiodiagnostica
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!