Gentilissimo Dott., le scrivo per avere dei chiarimenti in merito alla coronaropatia di mio marito. All'età di 38 anni nel 2003 colpito da infarto non Q viene sottoposto a tutta una serie di angioplastiche (in tot 6) di cui l'ultima nel 2006. Fin qui tutto ok, buoni risultati, buon recupero, i medici soddisfatti del loro operato ecc....Tutto ciò... Leggi di più fino a maggio 2012 quando dalla prova da sforzo viene riscontrato un sottoslivellamento della curva t e un innalzamento esagerato dei valori pressori ( 190/150) durante il test, perciò tale test viene considerato positivo per angina instabile. Noi eravamo convinti che venisse immediatamente ricoverato per un esame coronarografico.......invece i medici hanno deciso semplicemente di aggiungere dei farmaci alla terapia che lui gia seguiva.Ci sentiamo molto confusi anche perchè mio marito ha i sintomi tipici della malattia dolori al petto (per cui a volte ricorre all'utilizzo di carvasin) , senso di pesantezza, difficoltà respiratoria...ecc...La sua attuale terapia è cardioaspirin, eskim, lansox, selectin, sequacor, ranexa 500mg, ezetrol, triatec 5 ......Spero di ricevere al più presto una gentile risposta in quanto sono molto preoccupata per la salute di mio marito. grazie mille