Gentile dottore, ho un bambino di 7 anni che frequenta la classe prima con l'insegnante di sostegno che mi hanno consigliato alla scuola materna, in quanto la maestra notava un certo problema sul linguaggio e un problema sul comportamento, quindi dietro anche il suggerimento della psicologa della scuola l'ho portato in una struttura dove il bambino... Leggi di più veniva seguito dall'esperta di logopedia e di psicomotricità.Nonostante il bambino abbia fatto 2 anni di terapia, il cambiamento è stato minimo. Allora ho deciso di portarlo in un centro ospedaliero specializzato nelle malattie neuropsichiatriche infantili dove gli sono state fatte varie visite e gli è stato riscontrato un ritardo cognitivo con difficoltà di apprendimento, tra tutte le visite gli è stata fatta anche l'R.M. del cervello e del tronco encefalico e, sulla base delle sole immagini morfologiche convenzionali, si descrivono i seguenti reperti: solo minima accentuazione della cisterna magna con quarto ventricolo lievemente aperto inferiormente. Regolari le dimensioni e la morfologia del cervelletto e delle strutture del tronco encefalico. In sede sovratentoriale risultano regolarmente rappresentati gli spazi subaracnoidei. Normali le dimensioni e la morfologia del terzo ventricolo e dei ventricoli laterali. La sostanza bianca dei centri semiovali posteriormente e quella peritrigonale presenta alterazioni di segnale iperintense in T2 e FLAIR, che in parte sono riferibili ad accentuazione di spazi perivascolari, ma in parte verosimilmente ad esiti precoci. Nei limiti di norma il corpo calloso. Strutture della linea mediana in asse.Le volevo chiedere se il risultato dell'R.M. potrebbe essere la causa del ritardo di mio figlio, e colgo l'occasione di chiederle informazioni più dettagliate e chiare. Anticipatamente la ringrazio, aspetto sue notizie. Distinti saluti. .