23-02-2006

Salve, 14 anni fa, dopo aver sofferto per 13

Salve, 14 anni fa, dopo aver sofferto per 13 lunghi anni di attacchi di tachicardia parossistica, mi è stato diagnosticato il morbo di WPW e risolto con una doppia ablazione in quanto le vie accessorie anomale erano 2. In verità erano 3 ma 1 era troppo vicina all'Aorta e pertanto giudicata pericolosa per l'ablazione. Ho trascorso 13 anni sereni ma purtroppo dallo scorso anno ho ricominciato a soffrire di attacchi di tachicardia e anche se ad oggi sono stati solo 3, mi hanno completamente stravolto la vita e di nuovo vivo in timore dell'attacco. E' possibile che il morbo WPW sia responsabile della formazione di nuove vie anomale? Che cosa lo determina? Se invece il resposabile delle crisi è la piccola anomalia vicina all'aorta, cosa devo fare? Purtroppo il medico che mi aveva in cura non c'è più.
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
Per dare risposta ai suoi quesiti esiste solamente una possibilità: effettuare un nuovo studio elettrofisiologico presso un centro qualificato, cioè di livello regionale o sovraregionale, anche perché nel frattempo l’ablazione è molto evoluta e quindi sarà eventualmente possibile ablare anche il focus che è stato lasciato lì 13 anni fa.
TAG: Cuore | Malattie dell'apparato cardiovascolare