23-01-2006

Salve, dottore. soffro di aritmie da tempo. si

Salve, dottore. Soffro di aritmie da tempo. Si palesano prevalentemente come tonfi al Cuore fortissimi durante sforzo,e anche a riposo. Fatte 3 prove da sforzo, 2 eco, 3 holter. L’ultimo holter dice (il primo che feci nel 2004 non segnò nessuna aritmia): “Registrazione di buona qualità con ritmo sinusale a.f.c. Media di 72 b/m. Conduzione A-V regolare. Rarissimi battiti ectopici sopraventricolari, isolati. Rarissimi battiti ectopici ventricolari, monomorfi, isolati. Assenza di alterazioni del tratto ST e dell’onda T a carattere ischemico”. Poi vado a leggere all’interno e trovo 376 eventi ventricolari e 393 eventi sopraventricolari. E c’è da dire che quel giorno non avevo avvertito nulla!!!! Il cardiologo mi ha detto che non c’è nulla di preoccupante.Il problema è che a me tali colpi devastanti al cuore vengono sotto sforzo. se faccio una corsa spesso avverto uno o più tonfi al cuore e mi devo fermare. Mi sembra assurdo che possa essere dovuto ad altro, come sostengono i cardiologi in base a visite e risultati. cosa debbo fare? I medici si basano sui risultati e non mi prendono sul serio. Io invece so che mi vengono anche sotto sforzo, e che non può essere dovuto ad altro che non sia il cuore. Sono pericolosi questi tonfi al cuore sotto sforzo?
L’ultima prova da sforzo, risalente al maggio 2005 dice: “BBDx con turbe secondarie della ripol. Ventricolare già in basale. In esercizio tendenzialmente eccsiivo incremento cronotopo; assenza di sintomi e/o modifiche ecografiche rispetto al basale di eventuale significato ischemico. Regolare il profilo pressorio. TEST MASSIMALE PER FC (93% Fc max teorica) CON DP 27300 VALUTABILE NEGATIVO PER ISCHEMIA MIOCARDICA DA SFORZO”.
La scintigrafia miocardica del maggio 2005 dice: Ventricolo sinistro di normali dimensioni. La distribuzione della perfusione delle pareti del ventricolo sinistro è nei limiti della norma”.La scintigrafia dopo sforzo: Non si dimostrano significative variazioni della perfusiopne rispetto alle immagini a riposo. CONCLUSIONE: Non segni scintigrafici indicativi di pregressa necrosi e/o di ischemia miocardica indotta dal test ergometrico, massimale per FC”.
L’ecocardiografia del nov 2004 dice: Jevt da rigurgito mitralico in atrio sinistro di lieve entità. Jet da rigurgito tricuspidale in atrio destro con PAPs stimata 23 mmHg.
Attualmente sono in cura con Dilatrend comp 6,25 mg 1/2 la mattina, Efexor comp 75 mg, e Provisacor comp 20 mg 1 compressa al dì per via del Colesterolo alto (TOTALE 282, HDL 43, LDL 211)
Pensa che il mio cuore stia peggiorando? Devo ripetere la prova da sforzo? Cosa posso fare? E’ terribile avere a che fare con una sinile qualità della vita.devo fare altri esami? Ci sono centri specializzati? Io vorrei fare sport, ma alla fine per paura non mi azzardo e sto ingrassando (ho riscontrato che il colesterolo è aumentato anche dopo aver smesso di fare attività fisica). Grazie, Francesco.
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Il numero di extrasistoli riscontrato nella sua registrazione Holter non è elevato e si trova abitualmente negli Holter di persone con cuore normale, come lei. Tutti gli esami che lei ha fatto hanno dato risultati rassicuranti e quindi lei dovrebbe trarne motivo di serenità. Consiglierei di controllare la funzionalità tiroidea, se già non lo ha fatto, e di chiedere al suo cardiologo se è opportuno, come parrebbe, aumentare la dose del beta-bloccante (Dilatrend) o passare ad un altro beta-bloccante per contenere la tachicardia, probabilmente dovuta anche a fattori emotivi.