25-03-2008

Salve, ho 35 anni e da 3 anni circa soffro molto

Salve, ho 35 anni e da 3 anni circa soffro molto sporadicamente (ogni 10 mesi circa) di coliche biliari, alle quali ho sempre rimediato con la somministrazione di Buscopan. Purtroppo ultimamente mi è capitato di avere 3 coliche (a distanza di mesi), abbastanza ravvicinate nel tempo, con concomitante e perdurante sensazione di dolciastro nella bocca, eruttazioni frequenti e senso di acidità nell'ambiente gastrico. Sottoposto ad esame ecografico, gli organi risultavano tutti nella norma tranne che la colecisti che appare 'dismorfica, uncinata, con piccole estroflessioni e presenza di microcalcoli'. In quella stessa seduta il medico mi consigliava un intervento di colecistectomia in quanto la presenza di adenomiomi potrebbe degenerare nel tempo in formazioni neoplastiche, per cui la situazione andava quantomeno monitorata con esami ecografici scanditi a breve tempo. Tengo a precisare che l'ultima delle coliche biliari è stata di grado forte, tanto da dover ricorrere a due compresse di buscopan e, qualche ora dopo, al ripresentarsi del dolore, a una siringa di spasmex. Dopo qualche giorno dalla colica, sono tornato per una nuova ecografia, ma non è stato possibile in quanto la colecisti si presentava 'contratta' e non visibile dallo strumento. Pertanto, mi hanno consigliato carbone vegetale per tre giorni e un nuovo appuntamento. Nel frattempo tuttavia i miei problemi sono passati dal dolore della colica biliare a disturbi gastro-intestinali con versamento nell'alveo di feci sciolte e liquido giallastro (bile?). E' riconducibile tutto ciò ad un versamento del contenuto biliare della colecisti che ha raggiunto lo stomaco e l'intestino? Il problema del riflusso può essere sintomo di una sopraggiunta esofagite o gastrite da reflusso? Come potrei combatterlo? Poiché inoltre ho un'ernia ombelicale, in caso di intervento in laparoscopia potrei avere problemi e/o complicanze? Soffro inoltre di allergie alle anestesie, potrei in qualche modo risolvere i miei problemi (visto che si tratta comunque di microcalcoli) con una terapia farmacologica? Vi ringrazio infinitamente per l'attenzione.
Dr. Fegato.com
Risposta di:
Dr. Fegato.com
Risposta
Date le frequenti coliche biliari le consigliamo l’intervento chirurgico di colecistectomia in laparoscopia. Il problema del reflusso può essere sintomo di una sopraggiunta esofagite o gastrite da reflusso, pertano è utile che esegua un esame EGDS.
TAG: Epatologia | Fegato | Gastroenterologia | Medicina interna