19-03-2008

Salve,mio padre,ha 64 anni con epatite c,che si è

salve,mio padre,ha 64 anni con epatite c,che si è evoluta in cirrosi con varici F2-F4,ha sperimentato in passato l'interferone ma senza risultati,inoltre ha sviluppato il diabete mellito di tipo 2,in più attualmente ha sangue nelle urine e recidive di diarrea.Il precedente medico che lo aveva in cura,ha detto che in questa fase è pericoloso tentare il farmaco della ribavarina-interferone peghilato.Invece, il suo attuale medico vuole farlo ricoverare,la prossima settimana per tentare questa terapia.Io non so se può essere gravosa per lui a tal punto di provocarne la morte,visto che è un paziente affetto da molte complicanze.Lei che mi consiglia di fare?
Dr. Fegato.com
Risposta di:
Dr. Fegato.com
Risposta
La terapia antivirale con interferone-ribavirina, fatta con le dovute precauzioni ed i periodici, frequenti controlli in corso di terapia, non è da considerare una procedura rischiosa per la vita di un paziente anche con la situazione clinica di suo padre. Tuttavia va attentamente valutato il bilancio rischi/benefici, dato che si tratta di un paziente di 64 anni in cui si è già sviluppata la cirrosi epatica, che si trova in uno stadio già avanzato. Verosimilmente non riteniamo che in questo caso vi siano i presupposti per intraprendere la terapia antivirale con interferone e ribavirina.
TAG: Epatologia | Fegato | Gastroenterologia | Medicina interna