L’ESPERTO RISPONDE

Salve,sono alle prese con un grande problema e

Salve,sono alle prese con un grande problema e cioè:ho abbracciato un problema che disconoscevo,sto lottando per far curare una persona affetta da alcoolismo, ma il mio aiuto non ha dato alcun risultato e di riflesso ne sto subendo le conseguenze.Ho girato vari dottori, centri appositi, ecc.......... e tutti mi hanno detto che se la persona... Leggi di più interessata non riconosce di avere il problema e non vuole curarsi, non si può fare nulla!Io non riesco ad accettare e vedere ogni giorno questa persona peggiorare, possibile che non esiste un medicinale che le provochi un rigetto all'assunzione di alcoolici?Dico questo perchè quando a volte ne abusa tanto, il fisico ne risente provocandole malessere, ed in quella fase teme per la sua salute riuscendo a non bere per un paio di giorni.Poi, passato il malessere, la dipendenza torna a bussare alla porta e siamo alle solite.So perfettamente che l'abuso è dovuto a traumi psicologici e bisognerebbe intervenire in tal senso, ma è una strada al momento impercorribile.La persona interessata è piena di doti e qualità e soprattutto di una intelligenza e sensibilità particolare.Come potrei scuotere questa persona per farle scattare quel clic di sana illuminazione?Più cerco di aiutarla e più mi vede come un nemico.Sono stanco e demoralizzato, per favore, datemi uno spiraglio di Luce!Grazie.

Risposta del medico
Specialista in Psicoterapia

Gentile utente, esiste un farmaco, si chiama Antabuse, è un farmaco innocuo se nel corpo non c'è traccia di alcool, ma nel caso "ci si beva sopra", dà effetti collaterali simili all'infarto, o comunque da andare al pronto soccorso. E' un farmaco usato spesso in alcologia, ma non si può in nessun caso somministrare all'insaputa del paziente, quindi, per essere chiari, per quanto possa essere spinto dai migliori propositi non può -a parte che è... Continua illegale- somministrare nessun farmaco all'insaputa del paziente. Il mio consiglio, dato che la situazione è estrema, è di ricorrere a rimedi drastici: il fatto stesso che lei corra da un medico all'altro dà la giustificazione al paziente per continuare a bere "tanto c'è lei che fa il giro dei medici, e io intanto bevo". Quindi ciò che per me andrebbe fatto è la strategia opposta, mettere in chiaro a questa persona che, o si decide a farsi aiutare sul serio, oppure lei scomparirà. Che si tratti di amico, compagno, fidanzato o marito, questo passo molto spesso è l'unica molla che fa ragionare la persona: di fronte al perdere tutto, preferiscono rinunciare al bere e intraprendere una via di sobrietà..Un inizio molto buono sarebbe seguire le riunioni degli alcolisti anonimi. Tenga conto che questa persona su questo punto tenderà a sfidarla, a mettere a dura prova i suoi propositi, e lei non dovrà dargli tregua: se si rifiuta ancora di cercare aiuto, lei scomparirà per sempre.Ci rifletta sopra, poi se vuole mi scriva. Saluti cordialiDr. Delogupsicologo psicoterapeutaIpnosi EricksonianaTerapeuta EMDRhttp://ipnosicagliari.blogspot.com

Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
articoli correlati
Il fenomeno delle baby gang: chi sono gli adolescenti violenti
Il fenomeno delle baby gang: chi sono gli adolescenti violenti
1 minuto
Calo del desiderio sessuale: cosa fare?
Calo del desiderio sessuale: cosa fare?
4 minuti
Enuresi notturna: cause e terapie
Enuresi notturna: cause e terapie
3 minuti
Eiaculazione precoce: cause e rimedi
Eiaculazione precoce: cause e rimedi
5 minuti
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
Cerca un medico nella tua città
Specialista in Psicologia
Cagliari (CA)
Specialista in Psicologia e Psicoterapia
Roma (RM)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Psicologia e Psicoterapia
Milano (MI)
Specialista in Psicoterapia e Psicologia
Torino (TO)
Specialista in Psicologia e Psicologia clinica
Isernia (IS)
Specialista in Psicologia
Roma (RM)
Specialista in Psicologia
Torino (TO)
Specialista in Psicologia
Milano (MI)
Specialista in Psicologia
Palermo (PA)
Specialista in Psicologia
Roma (RM)