Salve sono un ragazzo di ventidue anni, alto 173 e peso 61 Kg. Premetto che non fumo non bevo alcolici . Da circa due anni soffro dei seguenti sintomi: sensazioni di vuoto al cuore come un formicolio che mi fa mancare il fiato. La mia frequenza cardiaca non è mai al di sotto degli 85. Ci sono mattine che mi alzo con una frequenza di 120 (la... Leggi di più controllo vicino a una cyclette) che mi dura per tutta la mattinata. Ho avuto tre episodi di tachicardia parassitica, così chiamata dal dottore. Ho fatto elettrocardiogrammi, eco, holter e una prova da sforzo, tutto negativo solo una tachicardia sinusale e delle extrasistoli. Ci sono giorni che svolgo una vita piuttosto condizionata. Non nego che ho un po’ di paura. Il medico curante quindici giorni fa dopo due anni mi ha dato un betabloccante (congescor 1.25). mi ha solo rallentato la frequenza ma ho avuto il triplo di extrasistoli. Dopo una settimana ho smesso. A volte sento delle palpitazioni al collo, nello stomaco e nell’inguine. Ora sono due giorni che avverto una pesantezza al braccio sx soprattutto dal gomito alle dita, e delle piccole fitte. Ora vorrei farle una serie di domande perché nessuno mi ha mai saputo dare una risposta. Il cuore può far male? Cosa mi può succedere con questa tachicardia? Un extrasistole forte mi può provocare un arresto cardiaco? Cosa sono queste palpitazioni nello stomaco nel collo e nell’inguine? Cosa posso fare per svolgere una vita serena? Attività fisica fa aumentare o diminuire questi episodi? La ringrazio del tempo che mi sta offrendo.