salve sono un uomo di 35 anni alto 1,70 cm x 68 kg, pratico attività fisica dalle 4 alle 6 volte a settimana per un ora a volta, da circa 4 anni ad oggi. Sottolineo che corro comunque almeno tre volte a settimana ad un ritmo sostenuto circa 6 km in 25 minuti, poi faccio esercizi fisici e di straching ed almeno una partita di calcetto a settimana ed un po di pesi.Ecg normale sempre. Un eco cardiogramma del 2000, quando nn praticavo attività sportiva ed ero in sovrappeso, rilevava valori normali tranne questi ai limiti alti della norma dimensioni ventricolo sx diast. 5.3 cm e sist. 3.5, radice aorta 3.46 cm. Nel 2005 febbraio in un periodo di intenso allenamento, peso forma raggiunto, ecocardiogramma Ventricolo sx diast. 5.44 cm sist. 38.5, radice aortica 3.33cm, atrio sx 39.5 cm. tracce di rigurgito valvolare aortico. Il cardiologo mi riferiva che queste tracce nn avevano significato e che i valori ai limiti alti della norma erano dovuti ad attivita fisica costante. Arile 2007 ventricolo sx ai limiti alti della norma diast. 5.44 cm sist. 38.5 cm, atri sx 38.5 cm e radice aorta 3.61 cm. Ancora tracce di rigurgito valvolare aortico. Il cardiologo mi riferisce ancora che tali tracce nn hanno alcun significato e che i valori ai limiti della norma sono da ricercare nella attività sportiva costante.Alla luce di quanto sopra è possibile che io ho questi valori ai limiti della norma e soprattutto la radice aortica di 3.61 cm praticando un'attività sportiva a tratti anche intensa ma non a livello agonistico??? Ed è possibile che la radice aortica si possa restringere poi aumentare come risulta dai tre ecocardiogramma fatti? Posso continuare a praticare questo tipo di attività fisica o no?? Mia pressione arteriosa 60/80minima 110/130 massima, rare volte 140 la massima.Ringrazio anticipatamente pasquale.