21-11-2012

Salve vorrei porre una domanda su una possibile

Salve vorrei porre una domanda su una possibile mst.Io tendo ad escluderla per una serie di motivi che spiegherò ma vorrei una conferma da un esperto.Il mio ragazzo ha da parecchio un leggero fastidio alla “corona” alla base del glande durante rapporti orali che infatti vengolo solo accennati e raramente.Altrimenti fuori da certi contesti(io poi sono abastanza secca internamente)non ha ne dolore ne prurito ne fastidio,solo in certe circostanze appunto.Stanca della situazione che vincolava i nostri rapporti intimi lo ho portato dal suo medico di base per farelo vedere.Il dottore ha fatto semplicemente un'ispezione visiva con ausilio di lente e per prima cosa ha chiesto a me se soffrissi di candida ma io non ne soffro affatto ne mi è mai capitato.Poi ha detto che a lui non sembrava nulla di grave e ha prescritto una crema MENADERM e il mio ragazzo la ha presa per 7 giorni circa 2 volte al giorno applicandola sul glande.Durante le applicazioni nessun particolare miglioramento ma nemmeno nessun fastidio dolore o reazione particolare (anzi abbiamo avuto anche un rapporto) solo un giorno mi ha fatto vedere che la base del glande era un po tumefatta ma solo sopra,non vicino al filetto, ma credo che non fosse la prima volta che gli capitava,,,.Dopo 2 giorni circa dal termine delle applicazioni iniziano i problemi.2 giorni di intenso bruciore tale da avere addirittura difficoltà a tenere pantaloni diversi da quelli morbidi della tuta,difficoltà ad aprirlo, la seconda sera poi e il terzo giorno si è visto un muco bianco trasparente abbastanza liquido che usciva dalla zona prepuziale quando lo apriva.Poi dal quarto giorno è tutto decisamente migliorato. Il qurato giorno era praticamente passato tutto.Niente più muco nessun rossore nessun bruciore,nessun fastidio al tatto nessuna difficoltà alla minzione (che cmq non aveva mai avuo nemmeno quando gli faceva male). E nel frattempo nessun medicinale assunto, solo un lavaggio con il sapone battericida (che li per li ha bruciato ma poi lo ha fatto stare subito meglio) e un paio di giorni passati a mangire spicchi di aglio che a suo dire sono battericidi.Ora sta bene ma il mio dubbio è questo: è verosimile che ciò che ha avuto sia un effetto collaterale della crema? Anche se è avvenuto solo al temine del trattamento?Riporto le controindicazioni della crema MENADERM:“gli effetti colaterali sistemici da corticosteroidi sono improbabili tuttavia la loro comparsa può essere favorita da terapia occlusiva e quando vengono trattate zone cutanee estese con dosi elevate e per periodi prolungati. La corticoterapia locale può talvolta comportare senso di buciore irritazione secchezza della cute,follicoliti,eruzioni acneiformi ,ipertricosi,ipopigmentazione e usando bendaggio occlusivo atrofia cutanea.Ovviamente il suo è un caso di bendaggio occlusivo poiché il prepuzio fa da bendante naturale e cmq la crema non è scritto specificatamente che possa essere usata sul glande.E' solo che vorrei escludere una mst con sicurezza!Se invece lo sfogo che ha avuto in quei 3-4 giorni fosse la manifestazione di una mst e se quindi la questione della crema o di una patologia pregressa non c'entrassero nulla, è allora possibile che i sintomi siano durati cosi poco e scomparsi da soli senza fare assolutamente nessuna cura o trattamento?Io non credo ma vorrei una conferma. E comunque, dopo quanti giorni si manifestano le più comuni mst?Lui dice di esser sempre stato fedelePosso stare tranquilla?
Risposta di:
Dr.ssa Sonia Maria Devillanova Dottore Premium
Specialista in Dermatologia e venereologia e Tricologia
Risposta

Non posso esserle di aiuto, il lieve rossore dei primi giorni poteva essere una forma irritativa, ma il bruciore e la fuoriuscita di muco farebbero pensare ad una infezione e comunque almeno un esame urine e un tampone uretrale sarebbero da fare. Nel frattempo solo rapporti protetti.

Cordiali saluti
 

TAG: Dermatologia e venereologia | Pelle