Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

13-06-2018

Sangue nei muchi

Salve, sono una ragazza di 23 anni e un mese fa mi é stata diagnosticata la tbc al polmone dx. Sono appena uscita dall’ ospedale e adesso sto continuando la cura a casa. La prima volta che ho trovato il sangue nei muchi che sputavo a causa della malattia è stata prima che sapessi che fosse quello e mi era capitato di trovarlo solo un paio di volte la mattina presto ed era mischiata al colore giallognolo dei miei muchi. Poi Durante la Mia cura in ospedale il fenomeno é comparso di nuovo ma questa volta il muco era chiaro, trasparente e ci stava un agglomerato di sangue rosso che man Mano che sputavo era poi diventato molto meno e più chiaro fino a finalmente sparire. I Medici che hanno seguito il mio caso hanno detto che è assolutamente normale per la malattia ma io continuo a preoccuparmi perché adesso mi è ricomparso ed é da ieri sera che continuo a sputare il muco con una macchia di sangue non indifferente. Cosa potrebbe essere di preciso? Inoltre Durante la cura ho avuto una forte infiammazione al lato destro della gola che mi rendeva la deglutizione molto difficile. L’ ho curata con Codamol compresse non potendo aggiungere altri antibiotici alla mia cura per la tbc. Pensavo di aver risolto la situazione ma di tanto in tanto avverto sempre un leggero dolore al centro della gola e a volte alla base dell’ orecchio dx. Io ho paura del peggio, il sangue mi sta preoccupando molto. Cosa potrebbe essere di preciso ?

Risposta di:
Dr. Giorgio De Bernardi
Specialista in Allergologia e immunologia clinica e Fisiopatologia e fisiokinesiterapia respiratoria
Risposta

Dovrebbe eseguire nuovamente la ricerca del BK nell'espettorato, con antibiogramma. Questo per escludere una resistenza alla terapia in atto. Nel caso il Pneumologo che la segue potrebbe consigliarle la terapia alternativa. Mi raccomando non faccia di testa sua, non interrompa la terapia, non la modifichi. Un'altra cosa da fare, è fare una visita ORL, per escludere localizzazioni della malattia a livello della gola. Infine: i suoi conviventi (non mi ha detto la sua età!) padre, madre, fratelli, sorelle, marito, compagno, colleghi di lavoro, compagni di scuola, ecc, sono stati avvertiti/sono stati sottoposti a screening per escludere di essere stati infettati da lei, ovvero se lei è stata infettata da qualcuno di loro? Le ricordo che è importantissimo per la salute della comunità circoscrivere il focolaio di infezione e curare/sottoporre a profilassi chi ha avuto contatti con lei (lei può essere altamente infettiva!) Non ho intenzione di spaventarla, ma con la TBC non si scherza e bisogna sapere contro cosa si sta lottando. Cordiali saluti.

TAG: Apparato Respiratorio | Esami | Farmacologia | Infezioni | Infiammazioni | Malattie dell'apparato respiratorio | Malattie infettive | Otorinolaringoiatria | Pneumologia | Polmoni e bronchi
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!