Scrivo per mia mamma di 69 anni,tre anni facendo degli esami di controllo essendo portatrice del virus dell'epatice C hanno trovato qualcosa che non andava nel sangue,risultato poi un mieloma multiplo.Ha fatto vari cicli di chemioterapia ed anche l'autotrapianto.Tutto si è risolto al meglio,tutt'ora le analisi di controllo sono ottimali.In seguito... Leggi di più hanno dovuto pensare a curare il suo fegato in quanto dei virus(così definiti dalla sua Dottoressa) dovevano essere tenuti sotto controllo.Ha assunto per 6 mesi l'interferone.Durante la cura,malgrado le procurasse molti fastidi, i virus sembravano diminuire.Alla fine della cura però hanno cominciato di nuovo ad esserci,però la mamma ha rifiutato di riprendere l'interferone.Adesso è sempre sotto controllo,non ci sono gravi mancanze nelle sue analisi,sia del fegato che per quanto riguarda il mieloma.Le è rimasta però una grande stanchezza,che negli ultimi giorni ci sta veramente spaventando.E' apatica,non uscirebbe mai,sempre molto triste.Poi non si sente sicura sulle gambe.Il medico di base parla di una depressione e le ha dato dei farmaci per combatterla.Io vorrei sapere se è normale tutto ciò,se dipende forse da tutti i farmaci presi negli anni e soprattutto se c'è qualcosa che possiamo fare noi famigliari per aiutarla.Vi ringrazio molto.