02-11-2012

Se è presente insufficienza renale cronica

Gent.mo Prof., Le scrivo da Cosenza, mio padre (72 anni diabetico e insilino dipendente, cardiopatico), e attualmente e affetto da I.R.C. di grado moderato. Vorrei fare una premessa, il nostro problema di carattere nefrologico e’ nato dopo un intervento endoscopico per la rimozione di alcuni papilloma in vescica, non infiltranti, subito dopo aver iniziato instillazioni vescicali con mitomicina iniziarono i nostri problemi, infatti un rene si presentava idronefrotico, e fu necessario effettuare un nuovo intervento per il posizionamento di uno stant ureterale che e’ stato tolto nel mese di giugno,attualmente le analisi dicono questo:Creatinina a 1,31Urea 27 (5-20)Urato 8,6 (2,5-8)Fosfatasi alcalinica 52 (32-91)Aspartato amino transferasi 25 (1-41)Alanina amino tranferasi 25 (1-54)Gamma glutamil transferasi 42 (7-50)Bilirubina totale 0,5 (0,4-1,2)Bilirubina diretta 0,1 (0,0-0,5)Colesterolo totale 105 (150-220)Colesterolo HDL 25 (40-59)Colesterolo LDL 44 (
Risposta di:
Prof. Claudio Di VeroliDottore Premium
Specialista in Diabetologia e malattie del metabolismo e Malattie del fegato e del ricambio
Risposta

Gen.le sig.ra,

Non è il trattamento endoscopico che ha determinato l'IRC. Ma la modestissima riduzione di funzione è un prodotto di un alterato metabolismo glico-lipidico di cui è portatore suo padre. A mio avviso dovrebbe curare nel modo più scrupoloso possibile la forte riduzione del colesterolo HDL, la trigliceridemia elevata,  stare molto attento con una dieta opportuna alla tendenza al diabete. Dovrebbe inoltre curare la pressione artreriosa che in genere in questi soggetti è elevata (<130/80 mmHg dovrebbe essere).

Dialisi, non credo perchè ormai ha 72 anni e poi, ripeto, la ridizione della funzione renale è molto modesta.

Un cordiale saluto

prof. Claudsio Di Veroli

 

 

TAG: Nefrologia | Reni e vie urinarie
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!