23-10-2017

Soffro di orticaria colinergica

Salve, sono un ragazzo di 23 anni, affetto da tetraparesi spastica, per quel che mi consente di fare la mia patologia\condizione, conduco una vita alquanto regolare. Soffro di congiuntivite allergica agli occhi e rinite allergica agli acari della polvere e al polline. Il mio "vero problema" però e che da circa 2 anni soffro di orticaria colinergica sono andato da 5 dermatologi che hanno avuto lo stessa diagnosi, se faccio sforzi fisici importanti, oppure se mi emoziono, mi stresso, mi spavento; insomma appena ho un aumento consistente della temperatura corporea, arriva subito "lei" l'orticaria, sento pungiture che definisco brucianti. Ho avuto picchi molto alti, che non riuscivo a sopportare su natiche, gambe, schiena e mani. Le ho provate tutte o almeno credo... vari antistaminici, pomate al cortisone, ma niente. Sono a casa da un pò di mesi.

A mia grande sorpresa però qualcosa è incominciato a cambiare a Luglio, quando sono andato al mare, precisamente in spiaggia la mattina per 3 giorni consecutivi per ritornarmene a casa il pomeriggio. Volevo disperatamente fregarmene dei miei attacchi d'orticaria improvvisi. Appena sono arrivato ho naturalmente avuto un attacco repentino di codesta orticaria, però col passare della giornata avevo si caldo, ma non avevo i miei "classici" sintomi, non sentivo più l'orticaria dentro me dopo 2 anni, era la prima volta. Sfortunatamente mi è ritornata dopo 3 mesi, ed è iniziata per via di un evento molto stressante, me lo ricordo perfettamente. La mia domanda è: I raggi solari, quindi gli UVB o UVA mi hanno fatto "bene" in qualche modo? Potrei fare una foto terapia? So che ci sono molti rischi a farla. Tumori o invecchiamento della pelle. Vi ringrazio di cuore di aver letto la mia lunga domanda. Aiutatemi, confido in voi. Grazie. :-)

Risposta di:
Dr. Gabriele Di Lorenzo
Specialista in Allergologia e immunologia clinica e Medicina interna
Risposta

Caro Signore la sua forma di orticaria è una forma cronica ed è evocata da stimoli fisici. La terapia è quella antistamica. È una forma benigna che può andare in remissione, Spero di averla tranquillizzata. Cordiali saluti.

TAG: Allergie | Allergologia e immunologia clinica | Dermatologia e venereologia | Pelle