Logo Paginemediche
L’ESPERTO RISPONDE

Sono affetto da flutter atriale, che evolve spesso

Sono affetto da flutter atriale, che evolve spesso in Fibrillazione atriale, da oltre 10 anni. Li ho controllati fino a giugno scorso farmacologicamente. Il Cuore, anatomicamente, è in buone condizioni (due volte la settimana gioco a tennis). D'accordo col cardiologo assumo Rytmonorm 300 solo al bisogno. Nell'arco massimo di 48 ore gli episodi (3 da luglio ad oggi) di F.A. regrediscono. Posso seguire questa condotta? e se dovessi ricorrere alla cardioversione elettrica è pericoloso? e per quante volte si può ricorrere a questa metodica? Grazie.
Risposta del medico
Paginemediche
Paginemediche
Visto che gli episodi sono complessivamente rari e rispondono alla terapia con Rytmonorm direi che l’approccio terapeutico è condivisibile. Alla defibrillazione elettrica si arriva se l’aritmia non dovesse interrompersi e divenire persistente. Essendo un intervento “fisico” non riveste nel complesso particolari problemi, ma certo è più complesso nella sua gestione rispetto all’assumere un farmaco. Può essere ripetuto più volte, ma certamente poi la sua tollerabilità diviene scarsa e va valutata l’ipotesi di lasciare l’aritmia ormai difficilmente riconvertibile a ritmo sinusale. Per altro oggi esistono tecniche di ablazione transcatetere che potrebbero essere valutate nel caso gli episodi aritmici tendessero a farsi più frequenti, più lunghi o persistenti.
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
Cerca un medico nella tua città
Specialista in Malattie dell'apparato cardiovascolare e Malattie dell'apparato respiratorio
Prov. di Parma