SONO IN CURA CON NORVASC 5 DA CIRCA 15 GIORNI ATTUALMENTE I MIEI VALORI PRESSORI SONO I SEGUENTI: MATTINO-150/90---130/80 MEZZA GIORNATA 140/85----130/75. A SERA 130/80....125/70. PULSAZIONI AL DI SOTTO DEGLI 80 QUALCHE VOLTA 85. PREMETTO CHE LA MIA PRESSIONE è MOLTO LEGATA AD UN FATTO ANSIOSO DEL QUALE NE SOFGFRO DA 30 ANNI PERIODICAMENTE. IL CARDIOLOGO MI HA EFFETTUATO LA PRIMA VISITA IN CONDIZIONI DI NOTEVOLE Ansia E HA RILEVATO PRESSIONE 140/93 PULSAZIONI 90. PERTANTO HA DECISO DI FAR SOSPENDERE NORVASC E DARMI DILATREND 25 UNA AL MATTINO E TRIATEC 5 MEZZA ALLA SERA. QUESTA DECISIONE è STATA PRESA DALLA DOTTORESSA NON TANTO IN BASE AL FATTORE PRESSORIO MA DAL FATTO CHE DA UN ESAME ECOGRAFICO AL Cuore RISULTA UNA LIEVE IPERTROFIA CONCENTRICA DEL Ventricolo SINISTRO, (FE71%);SEGNI INDIRETTO DI ALTERATO RILASCIAMENTO.LIEVE DILATAZIONE ATRIALE SINISTRA,LIEVE DILATAZIONE DELLA RADICE AORTICA. TUTTO IL RESTO NELLA NORMA.IO NON INTENDO ASSUMERE BETABLOCCANTI ASSOLUTAMENTE. NON SI PUò AVERE UN RISULTATO ANCHE CON ALTRI FARMACI MENO COMPLESSI COME AD ESEMPIO BLO PRESS? L INTENDO è ABBASSARE LA PRESSIONE PERCHè QUINDI LA SCELTA DI BETABLOCCANTI? CHE IN OGNI CASO NON ASSUMERò. IN ATTESA DI ALTRI ESAMI E VISITA SPECIALISTICA IN ALTRO ISTIOTUTO PER CONFRONTO, VI RINGRAZIO SE MI DATE UNA DELUCIDAZIONE. GRAZIE