Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

24-10-2006

Sono un uomo di 51 anni.all'età di 19 anni sono

sono un uomo di 51 anni.all'età di 19 anni sono stato operato dal Prof.Ake Senning al Kantonhospital di Zurigo per una stenosi subvalvolare aortica congenita.Dopo l'intervento non ho più avuto alcun problema fino all'anno scorso.Nel giugno 2005 ho avuto un episodio di fibrillazione atriale in seguito al quale ho eseguito alcuni controlli tr cui due ecocardiografie una senza e una con mezzo di contrasto.Le conclusioni della prima erano:normali dimensioni e cinesi del VS che presenta normale funzione sistolica globale.Fibrosclerosi della radice aortica e semilunari Rigurgito aortico di grado moderato severo(jet eccentrico)Rigurgito mitralico di grado lieve.Rigurgito tricuspidalico lieve con possibilità di stimare PAPs 35 mmHg (ipertensione polmonare lieve).Il bulbo aortico misurava 38 mm.
Le conclusioni della seconda erano:dimensioni VS nella norma.Non evidenza di significative riduzioni dell'ispessimento sistolico a carico di tutti i segmenti del profilo ventricolare.Funzione sistolica globale conservata(FE >0.60).Normale pressione parietale(=12mm).Pattern di flusso transmitralico indicativo di normale pressione striale sinistra.Normale per pressione e cinesi la cavità ventricolare destra.Insufficienza aortica di grado lieve-moderato(2+/4+ al color doppler) da modesta alterazione delle cuspidi valvolari.Non gradienti transvalvolari.Normali per morfologia e caratteristiche dei flussi i rimanenti apparati valvolari.Normali per dimensioni il bulbo aortico,la giunzione sinotubulare e l'aorta ascendente prossimale.
Nell'agosto di quest'anno in seguito ad una rx del torace eseguita per una lieve polmonite mi è stato consigliato di fare una TAC toracica.Me ne hanno fatto due.La prima senza e la seconda con mezzo di contrasto.Da entrambe si rileva una dilatazione tondeggiante a carico dell'arco aortico(42,6x37mm di dmt)in corrispondenza dell'impianto del tronco-brachiocefalico e dell'art.carotide comune coinvolte anch'esse nella dilatazione.assai meno evidente la dilataz. dell'art.succlavia di sin alla sua nascita.
Bulbo aortico 49 mm di dmt
Arco aortico 45 mm
Aorta discendente 28,6mm
Col mezzo di contrasto si confermava l'esito della prima con qualche piccola differenza.
Dilataz arco aortico 38x44 mm coinvolgenti i tronchi sovraortici i cui osti appaiono anch'essi dilatati(a forma di cono).
Sviluppo tortuoso dell'anonima.
L'aorta discendente che non supera la misura di 31 mm di dmt presenta una leggera tortuosità
Il tratto bulbo aortico-aorta ascendente misura 49 mm di dmt.
Non rilevabili significative immagini di difetti di riempimento endovasali.
A questo punto due illustri cardiochirurghi interpellati sostenevano:
il primo che non avrei dovuto preoccuparmi e se mai tornare dopo 6 mesi/un anno per controllare l'evoluzione della situazione,continuando a fare sport come sempre (vado in mountain bike e faccio footing);il secondo che dovrei farmi operare il prima possibile perchè un aumento di diametro così rilevante del bulbo aortico in un anno è un fenomeno alquanto preoccupante e comunque la situazione globale a carico dell'aorta è piuttosto grave.
Sono una persona abbastanza sportiva senza comunque fare nulla a livello agonistico,non fumo (ma ho fumato moderatamente dai 20 ai 40 anni) e la mia pressione è sempre stata stabile 130/80.
Mi piacerebbe sapere il vostro parere.
Grazie
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
Stando a quanto riportato dal paziente, esisterebbero 2 problemi: 1) l’insufficienza valvolare aortica di grado probabilmente moderato (o severo ?); 2) la dilatazione dell’aorta toracica a livello bulbo-aorta ascendente e arco. Non mi pare che il grado di severità delle due patologie sia tale da imporre una aggressione chirurgica immediata. Ma sia l’una che l’altra hanno carattere evolutivo e vanno monitorate strettamente. A mio giudizio la strategia più appropriata (e prudente) è la seguente: programmare una nuova valutazione (ecocardio + TAC con contrasto) fra 6 mesi; riconsiderare rischi e benefici della soluzione chirurgica “completa” solamente nel caso di una chiara progressione del quadro (accentuazione del grado di severità della insufficienza valvolare aortica e/o accentuazione della dilatazione aortica).
TAG: Cuore | Malattie dell'apparato cardiovascolare
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!