21-06-2006

Sono una donna di 31 anni con una bimba di 2 anni

Sono una donna di 31 anni con una bimba di 2 anni e mezzo, al tempo della sua gravidanza al settimo mese mi è stata diagnosticata un'epatogestosi con conseguente ricovero di un mese e come terapia mi veniva sommnistrata ogni giorno una flebo di glucosio poi dato che i volori delle transaminasi non rientravano o almeno con accennavano a migliorare arrivati alla 36esima settimana i dottori decisero di farmi partorire. in questo periodo si erano formati anche dei calcoli nella cistifellea di conseguenza in seguito mi sono operata. La mia domanda è questa: Io vorrei avere un altro bambino, ci sono delle possibilità che il problema dell'epatogestosi si ripresenti nonostante non abbia più la cistifellea? e se si, ci sono cure per poterlo prevenire?
Dr. Fegato.com
Risposta di:
Dr. Fegato.com
Risposta
Non vi è relazione tra la comparsa dell’epatogestosi e la presenza o meno della colecisti. Le probabilità che ad una seconda gravidanza le ricompaia l’epatogestosi sono maggiori che in un soggetto normale. Tuttavia non è motivo per escludere tale opportunità. La migliore prevenzione è costituita da idonea alimentazione e controlli frequenti.
TAG: Epatologia | Fegato | Gastroenterologia | Medicina interna
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!