30-05-2008

Sono una ragazza di 21 anni, sovrappeso e

sono una ragazza di 21 anni, sovrappeso e leggermente ipertesa e molto ansiosa. dopo ecocardiogramma e esami ai reni, non è stato rilevato nulla di preoccupante. Dopo una risonanza magnetica alla testa, è stata rilevata una parziale empty sella. volevo sapere se la mia leggera ipertensione (90-120) può provocare nel tempo danni al cuore e in particolare dopo quanto tempo. sono in cura con ansiolitici ma in quantità minima. cosa devo fare per non correre rischi? ho cominciato da poco un'attività fisica in palestra, devo stare attenta all'aerobica visto che sono tachicardica?
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
Come per tutti naturalmente ci vuole il benestare del Medico di famiglia per fare l’ “attività fisica o sportiva non agonistica”. Credo che questo ci sia, quindi faccia regolare attività fisica [ idealmente 3 volte alla settimana per 3 / 4 d’ ora, a livello allenante, cioè aerobico ma con un buon livello di impegno ( cd “submassimale”)]. Facendo attività fisica è più facile dimagrire e dimagrendo è più facile muoversi e fare attività fisica: si attiva un “circolo virtuoso” e si accettano meglio “i sacrifici” della dieta grazie al benessere che ci deriva da un corpo “in forma”. L’ attività fisica e il controllo del peso molto probabilmente regolarizzeranno la pressione arteriosa e non ci sarà quindi bisogno di ricorrere a farmaci. Anche la “tachicardia” - tipica dei sedentari – non sarà più un problema. In bocca al lupo e… buon divertimento!
TAG: Cuore | Malattie dell'apparato cardiovascolare