12-06-2018

Tempi di efficacia di farmaco per disturbo bipolare

Salve dottori, vi contatto per l'ennesima volta. Sono una ragazza di 23 anni. L'anno scorso ho avuto l'esordio del disturbo bipolare con una fase maniacale e conseguente ricovero in ospedale di 15 giorni. Rientrata dallo stato psicotico, sono entrata in una fase depressiva da novembre. Prendo stabilmente l'aripiprazolo come stabilizzatore dell'umore a cui da fine aprile ho aggiunto il Cipralex come antidepressivo e attivatore delle energie (che tuttora scarseggiano completamente). Lo assumo a 10 gocce da maggio, ora da giugno lo assumo a 12 gocce e arriverò ad un massimo di 13 per non incorrere in una nuova fase maniacale per cui partirei da capo.

So che i tempi d'azione sono lunghi (4-6 settimane), ma devo calcolarli da quando ne prendo 10, 12 o 13 gocce? Cioè riparte sempre da capo il calcolo o si conta da quando ne ho cominciato a prendere 10 gocce? Grazie mille in anticipo per la pazienza e l'eventuale risposta...

Risposta di:
Dr. Gianpiero Molucchi
Specialista in Psichiatria e Psicoterapia
Risposta

Quattro o sei settimane dall'inizio della terapia. Veda di aver fiducia, spesso la sintomatologia depressiva si sblocca d'emble'. Stia in contatto con chi la segue. Buona sera.

TAG: Farmacologia | Giovani | Malattie psichiatriche | Psichiatria | Salute mentale