29-08-2016

Tiroidite di Hashimoto e atrofia ghiandolare dovuta ai farmaci

Gentile dottore, ho 31 anni, peso 57 kg e ho la tiroidite di Hashimoto. Da circa 15 anni assumo eutirox in quantità modiche, 50 mg negli ultimi anni. Nell'ultimo controllo il TSH era a 0.6, troppo basso e così il mio endocrinologo ha rimodulato l'eutirox 25 mg x 5 giorni a settimana e 50 mg per 2. In più mi ha assegnato una capsula di Syrel al giorno forse perché ha sentito la mia tiroide molto infiammata.
So di non poter guarire da questo ipotiroidismo e vorrei evitare che la mia tiroide si atrofizzi. Il Syrel aiuta in questo? L'uso continuo di eutirox, anche se dosato bene, non fa assuefare la tiroide con il rischio di ridurne a lungo andare il funzionamento? Le chiedo anche se la tiroidite, da sola, può essere considerata invalidante.
Risposta di:
Prof.ssa Paola Grilli
Specialista in Chirurgia generale e Endocrinologia e malattie del ricambio
Risposta
Gentile paziente, l'atrofia ghiandolare da farmaci si determina con dosaggi ormonali molto più elevati tuttavia l'atrofia si può avere anche a seguito della tiroidite stessa perché il processo distruttivo determinato dalla presenza degli anticorpi riduce volumetricamente la ghiandola.
Il Syrel sicuramente l'aiuta in quanto, si è visto da recenti studi, che il selenio è un prodotto naturale che cerca di riequilibrare il turn-over del parenchima ma è opportuno sempre monitorare il dosaggio degli ormoni tiroidei per evitare un ipotiroidismo subclinico.
TAG: Biochimica clinica | Endocrinologia e malattie del ricambio | Esami | Farmacologia | Ghiandole e ormoni | Patologia clinica
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!