15-02-2017

Tosse secca persistente

Buongiorno, mia mamma, 60 anni non fumatrice, accusa ormai da un paio di mesi una tosse prevalentemente secca persistente e ormai cronica. Premetto che si tratta di un sintomo già accusato in passato, con tosse del tutto simile (simile alla cosiddetta "tosse del fumatore", anche se lei fumatrice non è mai stata).
Da anni è in cura per l'ipertensione coi farmaci, che già in passato avevano causato tosse forte e persistente simile a quella attuale; dopo un cambio di pastiglia le cose si erano risolte ma ora, a distanza di anni da tale cambio, c'è nuovamente questo problema. Il farmaco usato, che rientra tra gli ACE-inibitori, è Losartan (Mylan Generics). È possibile che a distanza di diversi anni questo farmaco, finora evidentemente ben sopportato, possa dare di nuovo tale sintomo? In più c'è un'altra questione: a seguito di biopsia endometriale le è stato da poco diagnosticato un adenocarcinoma endometroide di grado 1. La mia paura è quella che questa neoplasia possa aver già creato una metastasi al polmone, con la tosse come sintomo spia. È un'eventualità possibile? Grazie per la risposta, si tratta di un momento molto duro sia per me che per mia madre in cui l'ansia la sta facendo da padrone. Sicuramente anche ciò non aiuta.

Risposta di:
Dr. Giorgio De Bernardi
Specialista in Allergologia e immunologia clinica e Fisiopatologia e fisiokinesiterapia respiratoria
Risposta

Sarà necessario eseguire in primis una Rx Torace, le prove di funzionalità respiratoria, un tentativo terapeutico con inibitori della pompa protonica (IPP, se passa la tosse è verosimilmente secondaria a reflusso gastro-esofageo, soprattutto se sua madre è sovrappeso), anche una valutazione cardiologica (a volte una salva extrasistolica può produrre colpi di tosse). Se tutto è normale, valutazione pneumologica per ulteriori accertamenti (la tosse è un sintomo di preminente spettanza pneumologica). Cordiali saluti.

TAG: Malattie dell'apparato respiratorio | Polmoni e bronchi
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!