salve, ho 38 anni e da poco ho fatto una RM lombosacrale dalla quale è scaturito: A carico dello spazio intersomatico L5-S1, ridotto in altezza e sede di discoartrosi di tipo disidratativo, si rileva la presenza di voluminosa ernia discale postero paracentrale destra, in evidente conflitto con la radice nervosa di S1. Regolare morfologia e segnale... Leggi di più del cono midollare.L'ortopedico mi ha consigliato di non operarmi nonostante gli atroci dolori alla gamba destra e il formicolio al piede destro. Mi ha prescritto flebo di bentelan e voltaren per 10 gg. che poi ho sospeso perchè non le reggevo più. Mi sono poi rivolto ad un massoterapeuta che mi ha fatto delle manovre sulla schiena e sulla gamba. Dopo 10 gg. non posso dire che sto bene ma sicuramente un pò meglio. Ora riesco a camminare ma mi è rimasto un dolore sull'osso sacro e tutti e due i glutei che insiste per tutto il giorno, la mobilita della schiena è limitata e il nervo sciatico sulla gamba destra e ancora debilitato provocandomi dolori sul polpaccio e poca sensibilita sulla parte destr del piede.Il massoterapeuta mi ha detto che l'ernia è rientrata al suo posto; ma io mi chiedo il perchè di questi dolori insistenti e della poca mobilità della schiena. Devo credere a questo e continuare a fare qualche esercizio di riabilitazione o è il caso che considero la possibilità dell'intervento chirurgico? Ma ora come posso essere sicuro se l'ernia e dentro o ancora fuori?GRazie e mi scuso per la lunghezza del messaggio