10-09-2012

trombosi portale varici esofagee terapie

Salve il mio caso e` il seguente : Nascita Prematura. Flebotrombosi portale secondaria ad incanulamento della vena ombelicale . 1984 : Spenectomia piu` transizione esofagea per varici esofagee e spenectomia .Da alcuni anni calcolosi urinaria con spereodiche coliche ed eliminazione di calcoli.Il paziente non fuma, non beve, non usa droghe, ne prende delle medicine.Anamnesi Patologica Il paziente, affetto da flebotrombosi portale secondaria ad incanulamento della vena ombelicale, e stato sottoposto nel 1984 a spenectomia piu` transizione esofagea, si sottopone periodicamente ad EGDS che hanno rivelato una recidiva delle varici esofagee, progressivamente piu` evidenti ( ultima EGDS il 25.10.2002 ) e gastroscopia congestizia. Non avrebbero avuto episodi di emorragia da rottura di varici esofagee. Nel 2002 il paziente viene sottoposto a legatura elastica delle varici . Nella recente endoscopia del 2011 si sono trovate delle varici , recentemente ha avuto un sanguinamento dalla bocca causato dale varici. Io vorrei tanto guarire, non voglio piu avere le varici, ma ci dev essere una soluzione per curare o un rimedio per la vena porta in modo che non mi vengano piu le varici all`esofago, un centro al mondo o qualcosa .
Risposta di:
Dr. Claudio Rosco
Specialista in Anestesia e rianimazione
Risposta

Gentile Signore,

possibilità di soluzione chirurgica con by-pass porto-cavale vanno studiate da emodinamisti e chirurghi vascolari. Quindi un centro di Chirurgia Vascolare di eccellenza nella zona dove lei vive è il riferimento giusto.

In alternativa provi a sottoporre il suo caso al Dott. Sergio Capurro maestro indiscusso della TRAP per sentire se nel suo caso e ipotizzabile l'uso di questa metodica. Trova i recapiti su un motore di ricerca.

Cordiali saluti e auguri

TAG: Apparato circolatorio | Chirurgia | Chirurgia vascolare | Malattie della circolazione