Salute femminile: come ridurre il rischio di trombosi

salute femminile come ridurre il rischio di trombosi
Scritto da:
Prof.ssa Alessandra Graziottin
Specialista in Ginecologia e ostetricia e Oncologia

Intervista alla Prof.ssa Alessandra Graziottin, Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica dell’Ospedale San Raffaele Resnati di Milano.

Si è molto parlato di contraccezione ormonale e trombosi, ma quali sono i fattori di rischio modificabili? 
Certamente noi donne possiamo fare moltissimo per ridurre il rischio trombotico innanzitutto partendo da stili di vita sani. Quindi: attenzione al fumo, attenzione al sovrappeso e soprattutto all'obesità che aumentano nettamente il rischio trombotico in tutte le donne. Attenzione anche al movimento fisico: più noi ci muoviamo più i nostri vasi sanguigni vengono ossigenati e riduciamo nettamente il rischio di trombosi. A questo proposito c'è un'attenzione particolare per le donne che stanno usando la contraccezione: se capita una piccola Frattura che però richieda un gesso del piede o della gamba attenzione! La contraccezione va sospesa perché la frattura di per sé e l'immobilità per l'ingessatura aumentano nettamente il rischio trombotico. E ancora vanno sospesi tutti i tipi di contraccezione se dobbiamo fare un intervento chirurgico che richieda poi degenza a letto. Ma anche, attenzione, se abbiamo una malattia febbrile importante con febbre alta e prolungata perché, di nuovo, queste patologie di per sé incrementano il rischio trombotico. Poi, in gravidanza grande attenzione perché la gravidanza di per sé aumenta il rischio trombotico moltissimo e in particolare i quaranta giorni dopo il Parto. Quindi noi donne con un accurato monitoraggio medico ma anche con stili di vita più sani possiamo nettamente ridurre quei fattori modificabili per recuperare appieno la nostra salute e fare una contraccezione con gusto e sicurezza.

Guarda le altre interviste sul canale Videum di paginemediche.it

Leggi anche:
La trombosi è la formazione di un trombo all'interno di un vaso sanguigno che riduce oppure occlude del tutto il lume di un vaso.
03/01/2017
28/10/2013
Chirurgia vascolare Ginecologia e ostetricia Salute femminile Videointerviste Malattie della circolazione Apparato circolatorio Approvato generali
TAG: Ginecologia e ostetricia | Salute femminile | Chirurgia vascolare | Videointerviste | Apparato circolatorio | Malattie della circolazione
Scritto da:
Prof.ssa Alessandra Graziottin
Specialista in Ginecologia e ostetricia e Oncologia