03-07-2012

troppo complicato

sono disperata, mio marito 5 anni fà in seguito a una lussazione alla spalla sinistra ha portato un tutore e lui diceva che sentiva la fascia del tutore che gli schiacciava qualcosa al collo e gli faceva male. Dopo qualche mese ha fatto un intervento in artroscopia dove gli hanno inserito due viti di titanio per sistematre la spalla. Tolto il tutore ha incominciato a fare fisioterapia senza riuscire a recuperare perchè faceva sempre delle contratture a tutto il corpo;aveva la sensazione di essere tutto storto;su indicazione di una fisioterapista è andato da un osteopata e dopo 2 trattamenti di questo ha incominciatoa sentire la necessità di muovere tutto il corpo come se sentisse la necessità di doversi raddrizzare tutto.questo è durato per dei mesi;abbiamo sentito il parere di tanti neurologi e tutti ci hanno mandato da uno psichiatra che gli ha prescritto del Risperidone,xeristar e lorazepam.poi la cosa si è risolta ma non ha smeso mai questi farmaci.adesso dopo 4 anni sono ricomparsi questi movimenti dopo che ha fatto delle flessioni e ha sentito di nuovo quel dolore al collo che aveva quando portava il tutore.Lui dice di sentire come dellecorde che gli camminano dentro,ma la cosa che più mi fa impressione e che se lui beve per esempio un bicchiere d'acqua,e per farlo deve irrigidirsi perchè se no non riesce a stare fermo,come si rilassa ripete il gesto del bere.Vi prego sapete dirmi cosa potrebbe essere.Vi ringrazio anticipatamente.
Risposta

quando capitano questi casi qua, spessissimo il paziente finisce per essere mandato da uno psichiatra, il quale tanto più è bravo quanto più trova indicazioni e suggerimenti per interpretare il quadro clinico, indi per somministrare terapie. Siccome le terapie sono potenti, qualcosa succede sempre, però alla fine nessuno riconosce nella storia specifica del paziente una spiegazione dettagliata su ciò che sia realmente successo. Anche solo per cercare di postulare una fantasiosa ricostruzione medica degli eventi bisognerebbe analizzare il tutto con grande calma, pazienza e attenzione.

Saluti

TAG: Malattie neurologiche | Neurologia