04 Agosto 2016
|
2 minuti

Tachicardia ventricolare

In questo articolo:
Accelerazione del battito cardiaco fino al raggiungimento di oltre 100 battiti al minuto. A riposo può essere dovuta a febbre, abuso di caffè o ipertiroidismo, ansia, stress o forti emozioni. Se si tratta, invece, di tachicardia parossistica i battiti possono raggiungere fino a quota 300; le crisi sono improvvise e non hanno nessuna apparente causa scatenante.
 

Tachicardia: eziologia e conseguenze

Il cuore è un muscolo che si contrae ritmicamente per tutta la vita. Ogni battito è stimolato da un segnale elettrico prodotto dal sistema di conduzione del cuore. Un cuore di un adulto sano si contrae da 60 a 100 volte circa al minuto. A volte, problemi al sistema di conduzione causano un aumento o una diminuzione del normale ritmo cardiaco, oppure battiti irregolari o incostanti. Per misurare e registrare l'attività elettrica del cuore si utilizza un particolare tipo di esame chiamato elettrocardiogramma. In un normale battito cardiaco, il segnale del cuore segue uno schema ben preciso. Il segnale è originato nel nodo seno-atriale, o nodo S-A, situato nell'atrio destro. Il nodo seno-atriale stimola l'atrio a contrarsi, spingendo così il sangue nei ventricoli. Il segnale elettrico attraversa quindi il nodo atrio-ventricolare, o nodo A-V, e arriva ai ventricoli. A questo punto, il segnale provoca la contrazione dei ventricoli, pompando sangue ai polmoni e a tutto il corpo. La tachicardia è un tipo di aritmia, o irregolarità del battito cardiaco, in cui il cuore si contrae eccessivamente, oltre 100 battiti al minuto. Ci sono molti tipi di tachicardia, ma il più comune e la forma più seria è la cosiddetta tachicardia ventricolare. La tachicardia ventricolare si verifica quando l'attività elettrica del cuore inizia dai ventricoli invece che dal nodo seno-atriale. Quando si verifica tale situazione, i ventricoli battono più velocemente degli atri. Non si verificano più le normali e ritmiche contrazioni tra atri e ventricoli, e si interrompe il regolare flusso di sangue dal cuore verso il corpo. I sintomi della tachicardia possono includere: capogiri e debolezza dovuti alla riduzione del flusso di sangue al cervello. La tachicardia può essere causata da molti fattori, come l'esercizio fisico o uno sforzo eccessivo. Tuttavia, danni si possono verificare se la tachicardia dura da molto tempo ed è continua, e la causa scatenate non viene curata. La cura della tachicardia può prevedere la somministrazione di farmaci e/o l'intervento chirurgico. In alcuni casi, può essere necessario impiantare un defibrillatore nel torace del paziente, per regolare il battito del cuore.
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali