Gonartrosi o artrosi del ginocchio

gonartrosi o artrosi del ginocchio

Che cos'è la gonartrosi

L'artrosi del ginocchio (o gonartrosi) è una patologia causata dal consumo precoce dei capi articolari. La gonartrosi non permette una normale deambulazione e colpisce per lo più la popolazione anziana (>65anni).

Sintomi

La sintomatologia soggettiva consiste essenzialmente nel dolore dell'articolazione interessata o della muscolatura regionale, che è più intenso al mattino, si attenua con il movimento, si può riacutizzare dopo sforzo e generalmente si attenua durante il riposo notturno.
Successivamente la funzionalità articolare diventa limitata prima dal dolore, poi dagli ostacoli di natura meccanica che possono impedire lo svolgimento delle normali attività o rendere difficili anche le abituali funzioni della vita di relazione. Il ginocchio tende a bloccarsi in flessione.

Diagnosi

La diminuzione della rima articolare è il primo segno di danno cartilagineo e può consentire di fare diagnosi di Artrosi iniziale. Successivamente si osservano gli altri sintomi radiologici non sempre evidenti. La presenza degli osteofiti e le deformità dell'articolazione sono segno di artrosi di vecchia data che si conclude con l'anchilosi dell'articolazione radiologicamente evidenziabile.

Terapia

La Terapia di questa patologia è chirurgica. In particolare ci si avvale di moderni impianti protesici che permettono la totale sostituzione dell'articolazione. Tali impianti sono metallici (in titanio) ed in genere vengono cementati all'osso specialmente in caso di un osso porotico, cioè debole. Le Protesi di ginocchio permettono la deambulazione, in carico parziale, dopo 3-4 giorni dall'intervento. Il carico completo con ritorno all'attività lavorativa avviene in circa 30 giorni.

Negli ultimi anni ha avuto sempre maggior successo la mini-protesi - o protesi monocompartimentale - cioè una piccola protesi, di circa 3-4 cm, che riveste solo la parte usurata e non tutto il ginocchio.
Tale impianto può essere utilizzato in casi di artrosi del comparto interno con un successo notevole anche a 20 anni di distanza dall'intervento. Altro indiscusso vantaggio della mini-protesi è che può essere applicata con un'incisione più piccola, rispetto ad una protesi totale, di appena 8-10 cm.
Anche il recupero è più rapido: la deambulazione è permessa il giorno dopo l'intervento; il carico completo con ritorno all'attività lavorativa avviene in circa 30 giorni.

23/02/2018
06/02/2007
TAG: Anziani | Arti inferiori | Geriatria | Ortopedia e traumatologia | Sistema Muscolo-Scheletrico | Terapie | Medicina fisica e riabilitativa