Psoriasi: che cos'è e che cosa fare

psoriasi che cos e e che cosa fare
Redazione Paginemediche
Scritto da:
Redazione Paginemediche

Che cos'è la psoriasi

La Psoriasi è una Patologia della pelle che si manifesta cronicamente con eritemi desquamativi. Statisticamente è dimostrato che è molto frequente (colpisce il 2-5% della popolazione), in particolare nei Paesi occidentali. Si può manifestare in persone di entrambi i sessi a qualunque età, ma più frequentemente tra l'adolescenza e i 50 anni.

La psoriasi non è una malattia contagiosa. Inoltre, nella maggior parte dei casi, non comporta limiti invalidanti al soggetto che ne è affetto. La presenza delle lesioni cutanee in determinate zone può però comportare imbarazzo o persino ansia e depressione. Talvolta questa patologia si lega a stati di stress. In tal caso la psoriasi diventa sintomatologia delle forme stressogene.

Cause della psoriasi

Le cause di questo tipo di dermatosi risultano ancora sconosciute. Di frequente più membri di una stessa famiglia ne sono affetti, pertanto si suole ritenerla una malattia ereditaria. Il soggetto è quindi geneticamente predisposto ad ammalarsi di psoriasi.

Segni e sintomi della psoriasi

La psoriasi si manifesta con desquamazione della pelle e apparizione di macchie rosse. Le squame possono essere di colore argento o biancastre. Le macchie di colore rosso sono solitamente rotonde e circoscritte.

Vi sono differenti tipi di psoriasi. La loro classificazione avviene in riferimento alla dimensione e alla forma delle macchie:

  • psoriasi volgare, se le macchie sono fisse e più o meno grandi;
  • psoriasi guttatta, se la zona è coperta da una maggiore quantità di chiazze più piccole;
  • psoriasi pustolosa, se sull'eritema compaiono piccole bollicine piene di pus;
  • psoriasi eritrodermica, che si accompagna a stati febbrili, maggiore infiammazione e desquamazione ed interessa tutta la pelle;
  • psoriasi che si manifesta con un dolore articolare e talvolta con osteolisi e anchilosi.

Le zone del corpo soggette in modo particolare a tali sintomi sono:

  • il cuoio capelluto
  • i gomiti
  • le ginocchia
  • le mani
  • i piedi
  • la zona lombo-sacrale
  • le unghie

Qualsiasi zona potenzialmente è a rischio, anche quella genitale. Più raramente colpisce il viso. Le lesioni provocate da questa patologia non comportano solitamente prurito. Tuttavia esso compare se le zone interessate sono il cuoio capelluto o la zona ano-genitale e in persone particolarmente nervose.

Terapie in caso di psoriasi

Rivolgersi a uno specialista è indispensabile per una corretta diagnosi e per la cura più adeguata. Solitamente si fa ricorso a una Terapia farmacologia che agisca direttamente sulle chiazze.
In generale, una buona terapia per la psoriasi prevede innanzitutto la cura delle lesioni cutanee che determinerà nel paziente anche un atteggiamento più positivo rispetto alla sua malattia.
Si usano farmaci a base di cortisone, catrame o di vitamina D per ridimensionare e far sparire le macchie. Tuttavia nelle forme più acute si ricorre a farmaci in associazione a terapie con raggi ultravioletti.

Purtroppo non è sicuro che la terapia elimini del tutto il problema. Le chiazze tendono, infatti, a ripresentarsi. Attualmente, con applicazioni naturali direttamente sulla zona interessata dalle lesioni, si può ottenere una totale integrità della zona stessa.

Leggi anche:
La comparsa di brufoli in testa potrebbe essere indice di diverse patologie a carico del cuoio capelluto. La dermatite seborroica è una della più comuni.
24/10/2017
06/02/2007
TAG: Dermatologia e venereologia | Pelle
Redazione Paginemediche
Scritto da:
Redazione Paginemediche