Logo Paginemediche
  • Programmi
  • Visite
  • Salute A-Z
  • Chi siamo
  • MediciMedici
  • AziendeAziende
Ossigeno-ozonoterapia nella cura concomitante di conflitti disco-radicolari e depressione
2 minuti di lettura

Ossigeno-ozonoterapia nella cura concomitante di conflitti disco-radicolari e depressione

Lo stato depressivo che spesso accompagna condizioni patologiche dolorose può essere risolto con l’ossigeno-ozonoterapia.
In questo articolo:

L’ossigeno-ozonoterapia si è dimostrata una pratica utile nella cura di manifestazioni depressive correlate a conflitti disco-radicolari, come ernia del disco, cervicalgia, lombosciatalgia.

Conflitti disco-radicolari e depressione

Una delle patologie in cui si possono riscontrare risvolti di comorbidità depressiva riguarda le affezioni disco-radicolari, certamente causa di dolori acuti, spesso intensi, insopportabili e cronici, che portano il paziente a tentare vari approcci terapeutici (ortopedici, neurologici, fisioterapeutici) che mirano a risolvere il sintomo cercando al tempo stesso di minimizzare l'impatto psicologico e occupazionale e tendendo altresì a prevenire ricadute e cronicizzazioni.

Un approccio che, in atto, sta sempre più diffondendosi con risultati certamente incoraggianti, in termini di risoluzione della sintomatologia, o comunque di notevole riduzione, è l’ossigeno-ozonoterapia che svolge una rilevante azione antinfiammatoria, antibatterica, antalgica.

Ossigeno-ozonoterapia nella riduzione della sintomatologia dolorosa

Il trattamento mediante ossigeno-ozonoterapia prevede un ciclo di 12-15 sedute, ognuna delle quali consiste in 2-4 infiltrazioni (intramuscolari) in regione cervicale o lombosacrale per un totale di 20- 30 ml di 03 per ogni seduta.

La regressione della sintomatologia è rapida e completa, i vantaggi sono rappresentati dell'assenza di effetti collaterali e dall'efficacia elevata.

La duplice cura dell’ossigeno-ozonoterapia

È stato dimostrato come qualsiasi componente dolorosa contribuisca in modo importante a determinare anche, in un gran numero di casi, una condizione depressiva che può più o meno sfociare in uno stato patologico vero e proprio, determinando vari livelli di inabilità.

Dai risultati esposti si evidenzia come una terapia specifica, nella fattispecie con ossigeno-ozono, oltre che determinare una regressione e/o remissione dei sintomi somatici, determina un miglioramento sensibile anche della condizione clinica, con positiva ricaduta sulla eventuale connotazione depressiva.

L’hai trovato utile?

Condividi

Iscriviti alla newsletter di Paginemediche
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali