Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

10/02/2015

A quale categoria di mangiatori apparteniamo?

Insaziabili, compulsivi o emozionali. Il modo in cui ci rapportiamo con il cibo può giocare un ruolo determinante nel riuscire a perdere peso. Il suggerimento proviene da alcuni studiosi britannici che hanno individuato le tre categorie principali di mangiatori. Come spiega Susan Jebb, responsabile della ricerca per l’Università di Oxford, per ciascuna tipologia di persone esiste la dieta più adatta e più efficace.

In collaborazione con Giles Yeo, genetista dell’Università di Cambridge, la studiosa ha coinvolto 75 persone che si sono sottoposte ad alcuni test finalizzati ad individuare i fattori che maggiormente possono influenzare l’efficacia di una dieta. Alla fine dello studio i ricercatori hanno individuato tre categorie di persone:

  • gli insaziabili che mangiano spesso e non si sentono mai sazi
  • i compulsivi che convivono con un costante pensiero legato al cibo
  • gli emozionali che vivono i loro problemi e bisogni in stretto collegamento con il cibo (ad esempio mangiano per consolazione).

I ricercatori hanno concluso che la dieta più efficace è data da un equilibrio tra ormoni, genetica e aspetti psicologici. E ciascuno di questi fattori ha una sua rilevanza nel riuscire a dimagrire.
E così gli studiosi sono riusciti anche ad individuare il tipo di dieta più efficace per ogni categoria di persone, ad esempio gli insaziabili dovrebbero prediligere una dieta ricca di proteine e pochi Carboidrati per stimolare gli ormoni intestinali e favorire il senso di pienezza; i compulsivi trarrebbero maggiori benefici da una dieta che consente di mangiare ciò che si desidera per due giorni alla settimana e non superare le 800 calorie negli altri 5 giorni; infine gli emozionali non dovrebbero sottovalutare l’aspetto psicologico e magari seguire una dieta che preveda anche un sostegno sociale forte e significativo.

Guarda il video: "Dieta e Nutrizione: alimenti da evitare"

TAG: Scienza dell'alimentazione | Nutrizione | Dieta