Alzheimer, dagli USA ricerca per recuperare i ricordi perduti

Alzheimer, dagli USA ricerca per recuperare i ricordi perduti

L'Alzheimer è una delle malattie più tristi perché colpisce i ricordi. Ma dagli Stati Uniti giunge una buona notizia.
L’Alzheimer, senza dubbio, è una delle malattie più tristi perché colpisce le tracce della vita che conserviamo dentro di noi: i ricordi. Ma dagli Stati Uniti giunge una buona notizia: la possibilità di recuperare la memoria che solo apparentemente sembra perduta ma, in realtà, è immagazzinata nel cervello che, quindi, è come se eseguisse, durante gli anni, operazioni di backup dei dati.

Ciò riguarderebbe solo le fasi iniziali dell'Alzheimer e il recupero dei ricordi avverrebbe attraverso lo stimolo specifico di neuroni che si trovano nella regione dell'ippocampo.

La dimostrazione è stata opera dei ricercatori del Riken-Mit Center for Neural Circuit Genetics di Cambridge, negli Stati Uniti, i quali - come si apprende dall'ANSA "sono riusciti a riaccendere la memoria nei topi stimolando il cervello con un raggio di luce, grazie alla tecnica dell'optogenetica finora mai sperimentata sull'uomo".

I risultati sono stati illustrati sulla rivista scientifica Nature e, secondo gli autori dello studio, "rappresentano solo una prova di concetto" ma dimostrano che le persone con l'Alzheimer dimenticano i volti o dove si trovano gli oggetti familiari, perché il loro cervello non riesce a trovare dove ha messo quei ricordi.

Non è una scoperta da poco, perché in questo modo si contraddice l'idea che l'Alzheimer impedisca al cervello di creare nuovi ricordi e suggerisce - come detto - che la stimolazione cerebrale potrebbe migliorare temporaneamente i ricordi dei pazienti nei primi stati della malattia.
 
Leggi anche:
Bere una bevanda nutrizionale ogni giorno può aiutare le persone affette da Sindrome di Alzheimer a conservare la memoria.


Nel dettaglio, la ricerca si è basata su un precedente lavoro svolto dal neuroscienziato Susumu Tonegawa e dai suoi colleghi presso il Massachusetts Institute of Technology di Cambridges, dove l'anno scorso hanno dimostrato che, in alcuni tipi di amnesia, i ricordi sono stati conservati ma non è stato possibile recuperarli.

Su Nature si legge che "è difficile rilevare la differenza tra una memoria conservata e una recuperata negli esseri umani, per cui l'unico modo per testare la memoria è chiedere ai pazienti di ricordare informazioni. Ma i ricordi possono essere manipolati nei topi: così Tonegawa e i suoi colleghi hanno testato la loro teoria con due ceppi di topi, gli uni con geni mutati e legati alla malattia di Alzheimer, gli atri no”.

Dopo che entrambi sono stati inseriti in una scatola e dove hanno ricevuto una scossa elettrica, i ricercatori hanno evidenziato che i topi normali hanno imparato a temere l'area in cui si trovano ma quelli 'mutati' no, perché non ricordavano di avere provato Dolore.

Ma quando i ricercatori hanno stimolato con una luce blu la rete dei neuroni definiti ‘engrammi’, associati alla formazione di un ricordo, i topi 'mutati' hanno recuperato la memoria della scarica.


Per approfondire guarda anche "Malattia di Alzheimer"
Cerca un medico nella tua città
Specialista in Neurologia
Prov. di Brescia
Specialista in Neurologia
Milano (MI)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Neurologia e Fisiatria
Genova (GE)
Specialista in Neurologia e Farmacologia medica
Termoli (CB)
Specialista in Neurologia e Medicina dello sport
Montesano sulla Marcellana (SA)
Specialista in Neurologia
Olbia (OT)
Specialista in Medicina generale e Neurologia
Pontecagnano Faiano (SA)
Specialista in Neurologia
Roma (RM)
Specialista in Neurologia
Giugliano in Campania (NA)
Specialista in Neurologia
Cefalù (PA)