Bruxelles, 29 gen. (AdnKronos Salute) - Nel contratto di acquisto anticipato siglato da AstraZeneca con la Commissione Europea, l'azienda "dichiara, garantisce e conviene" con o all'esecutivo comunitario e con o agli Stati membri dell'Ue di "non essere soggetta ad alcun obbligo, contrattuale o di altra natura, nei confronti di alcuna persona o terza parte per quanto concerne le dosi iniziali per l'Europa o che confligga o sia incoerente in modo rilevante con le condizioni di questo contratto oppure che possano impedire il completo adempimento degli obblighi previsti da questo contratto".
Lo riporta il contratto tra l'Ue e AstraZeneca per l'acquisto di 400 mln di dosi del vaccino anti-Covid dalla multinazionale britannica, pubblicato poco fa dalla Commissione Europea, omissato nelle parti più sensibili (prezzi, calendario delle consegne, eccetera).