Obblighi vaccinali, le vaccinazioni obbligatorie per legge

obblighi vaccinali le vaccinazioni obbligatorie per legge
Massimo Canorro
Scritto da:
Massimo Canorro
Giornalista & web content editor

C’è chi sostiene l’obbligo delle vaccinazioni, come il virologo Roberto Burioni dell’Università Vita-Salute del San Raffaele di Milano, convinto che “chi non vaccina non danneggia soltanto il proprio figlio, ma tutti gli altri. Non si può invocare la libertà di scelta per compierne una che può mettere a repentaglio gli altri”.
C’è chi è favorevole all’obbligo del vaccino - ma soltanto come misura temporanea per far risalire le coperture - come Alberto Villani, presidente della Società Italiana di Pediatria (“La situazione attuale è di emergenza e in circostanze come questa vanno adottati provvedimenti di emergenza”).

Entrambe sono prese di posizione in risposta alle dichiarazioni del Ministro della Salute Beatrice Lorenzin, che ha lanciato la proposta di reintroduzione dell’obbligo vaccinale, rendendolo un requisito per l’iscrizione a scuola.

Ad ogni modo il dibattito è ampio, e l’interrogativo - spesso anche banalizzato - è sulla bocca di tutti: “Vaccini obbligatori, sì o no?”. Comunque la si pensi, in Italia sono 12 le vaccinazioni rese obbligatorie per l’iscrizione a scuola nella fascia 0-6 anni, ovvero per gli asili nidi e le scuole materne (ma questa strada dell’obbligo interessa l’intero arco da 0 a 16 anni, anche se con modalità differenti). Dopo i sei anni, andrà presentato ogni anno il certificato vaccinale e se i genitori si rifiutano sono previste ammende fino a 7.500 euro e la segnalazione al Tribunale dei minorenni per la sospensione della potestà genitoriale.

Leggi anche:
Il Piano Nazionale Vaccini è il calendario completo delle vaccinazioni disponibili e raccomandate dal Ministero della Salute.

I vaccini obbligatori in Italia

Occorre ricordare che fino allo scorso maggio le vaccinazioni obbligatorie in Italia erano quattro (antidifterica, antitetanica, antiepatite B, antipoliomielitica), seppur molte altre venivano offerte attivamente e senza alcun costo dal servizio sanitario, come previsto di volta in volta dal calendario vaccinale. Da quattro a dodici, ecco quali sono i 12 vaccini obbligatori per la scuola dal prossimo mese di settembre:

  • Antipoliomielitica: la poliomielite rappresenta una malattia virale in grado di colpire soprattutto i bambini al di sotto dei 5 anni di età. Può anche provocare meningite.
  • Antidifterica: la difterite è una malattia infettiva causata da una tossina prodotta dal batterio Corynebacterium diphtheriae. Questa tossina blocca le funzioni delle cellule di vari organi e tessuti.
  • Antitetanica: il tetano - che può diventare letale nel 20-30% dei casi, anche dopo adeguato trattamento - è una malattia infettiva causata da una tossina prodotta da alcuni batteri presenti nel terreno e nelle feci degli animali.
  • Antipertosse: contagiosa, in grado di colpire soprattutto i bambini, la pertosse è una malattia infettiva che trae origine dal batterio Bordetella pertussis.
  • Haemophilus influenzae di tipo B: si tratta di un batterio che provoca infezioni spesso severe, come otiti, bronchiti e polmoniti. In alcuni casi, queste infezioni possono causare complicazioni (meningiti ed epiglottiti).
  • Antiepatite B: l’epatite B è una malattia virale che si trasmette mediante il sangue e i fluidi corporei. L’epatite colpisce il fegato, provocando perdita di appetito, nausea e dolori di tipo articolare.
  • Antimeningococcica B: tra i ceppi batterici responsabili di meningite, il meningococco di tipo B determina un’infiammazione delle membrane che avvolgono il cervello e può colpire in modo tante grave quanto fulminante.
  • Antimeningococcica C: il meningococco di tipo C rappresenta uno dei ceppi batterici responsabili di meningite; in particolare, l’agente responsabile della meningite da meningococco è il batterio Neisseria meningitidis.
  • Antirosolia: la rosolia è una malattia infettiva virale che si manifesta con un’eruzione cutanea simile a quelle del morbillo o della scarlattina. Se contratta in gravidanza, in particolare nei primi mesi, può risultare pericolosa per il feto.
  • Antivaricella: la varicella è una malattia infettiva altamente contagiosa provocata dal virus Varicella zoster, della famiglia degli Herpes virus. La malattia si trasmette esclusivamente da uomo a uomo.
  • Antiparotite: la parotite, che si trasmette soltanto da persona a persona, è una malattia infettiva virale tipica dei bambini tra 5 e 10 anni. È contagiosa nei 6 giorni che antecedono la comparsa dei sintomi e per i 9 giorni seguenti.
  • Antimorbillo: il morbillo è una malattia infettiva acuta (si trasmette da persona a persona), provocata da un virus, che può avere gravi conseguenze. Colpisce spesso i bambini.

Dodici vaccini non saranno troppi?

È una delle domande più frequenti che circolano, soprattutto, nelle chat e sui social network. La preoccupazione di molti genitori è che 12 vaccini sottopongano il sistema immunitario del bambino a uno stress smisurato. In realtà non si tratta di 12 vaccinazioni da effettuare tutte insieme: le prime dosi vengono comunque diluite nel corso di un anno di vita del bambino.

Per approfondire guarda anche: “Vaccini”

Leggi anche:
Il morbillo è una malattia infettiva altamente contagiante causata dal paramyxovirus. Sottoporsi al vaccino è l'unica forma di prevenzione.
06/02/2018
06/06/2017
TAG: Bambini | Igiene e medicina preventiva | Infezioni | Malattie infettive | Pediatria | Prevenzione | Vaccinazioni | Genitori | Mamma
Massimo Canorro
Scritto da:
Massimo Canorro
Giornalista & web content editor