Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

21/06/2018

Giornata Internazionale dello Yoga: riscoprire l'armonia

giornata internazionale dello yoga riscoprire l armonia
Mara Pitari
Scritto da:
Mara Pitari
Giornalista & web content editor

Milioni di persone riunite sotto lo stesso cielo nel giorno del solstizio d’estate per celebrare assieme la quarta Giornata Internazionale dello Yoga: un evento, in programma oggi giovedì 21 giugno, condiviso da oltre 170 Paesi al mondo di diversa religione, cultura e tradizione. Un fattore che conferma come lo yoga sia una disciplina trasversale in grado di avvicinare gli esseri umani al di là di ogni bandiera.

«Lo yoga è un dono inestimabile della tradizione antica dell’India […], non si tratta di esercizio fisico ma di un mezzo per riscoprire il senso di unità e di armonia con se stessi, il mondo e la natura», disse, in occasione dell’istituzione della Giornata dello Yoga nel 2014 da parte della Nazioni Unite, l’allora primo ministro indiano Narendra Modi.

Giornata Internazionale dello Yoga per promuovere i legami umani. Due milioni di praticanti in Italia

Oggi in Italia 2 milioni di persone praticano yoga (nel 2011 erano 1 milione e 100mila). Le scuole che lo insegnano sono circa 2mila. Eppure fino a qualche decennio fa lo yoga era considerato una pratica per pochi adepti. Secondo il Financial Times, dopo la crisi del 2008, lo yoga è salito al primo posto sul podio delle discipline più praticate nelle città di tutto il mondo. Un boom che ha convinto l’Unesco a inserirlo, nel dicembre del 2016, nella lista dei beni immateriali Patrimonio dell’umanità.

Lo yoga può essere praticato davvero da tutti, senza distinzioni di sorta. Per questo la Giornata Internazionale dello yoga vuole, fra le altre cose, promuovere la non violenza e l’amicizia tra i popoli; far conoscere i benefici di questa disciplina sulla salute; aiutare le persone a combattere lo stress e curare il proprio benessere; valorizzare la crescita, lo sviluppo e la diffusione dei valori di pace in tutto il mondo; rafforzare i legami umani e l’unione con la natura attraverso pratiche meditative

Perché il 21 giugno? Al di là dell’importanza del sole nello yoga – la Giornata si celebra nel giorno più lungo dell’anno, nell’emisfero Nord – il 21 giugno è un giorno cruciale nella mitologia indiana: Shiva, qui non visto come una divinità ma come il primo yogi e guru, iniziò a trasmettere la disciplina ai suoi fedeli. Nella filosofia indiana il solstizio d’estate è anche l’inizio del Dakshinayana: la pratica spirituale finalizzata alla purificazione. Qualunque pratica yogica iniziata in questo periodo porterà buoni frutti e realizzazione spirituale.

Giornata Internazionale dello Yoga: gli appuntamenti in Italia

Nelle piazze, nei parchi e nelle scuole di yoga di tutta Italia questa giornata viene celebrata come un grande rituale di aggregazione. A Milano c’è lo Yoga Festival nell’Arena Civica Gianni Brera. Musica indiana con i maestri del Conservatorio di Vicenza dalle 17, poi canti della pace (shanti mantra) con i monaci Matha Gitananda Asram, e dalle 18.30 sessioni di yoga con Anna Inferrera e Antonio Nuzzo. L’evento è gratuito, la registrazione è obbligatoria (su yoga festival.it).

A Roma lo Yoga Day si tiene in piazza del Campidoglio: ritrovo alle 18.30 per una sessione speciale con gli insegnanti. A seguire, il maestro di dhrupad Ritwik Sanyal aprirà il Summer Mela Festival, evento organizzato in concomitanza con la festa della musica, con un concerto vocale indiano.

Classico l’appuntamento di Genova dove le celebrazioni iniziano all’alba con sessioni in varie spiagge. Ritrovo poi alle 18 in piazza De Ferrari per la meditazione per la Pace Mondiale.

A Rimini appuntamento alle 6 del mattino per il saluto al sole vicino al monumento “Alla Sposa” (al porto canale).

A Treviso in piazza dell’Università dalle 18 ritrovo collettivo per recitare mantra e fare yoga tutti assieme.

Gli appuntamenti continuano nelle tante associazioni e scuole di yoga sparse da Nord a Sud con lezioni gratuite per tutti e festa collettiva.

Per approfondire guarda anche: “Yoga: Fitness e esercici”

Leggi anche:
I mudra sono delle posizioni simboliche delle mani che accompagnano le pratiche di meditazione. Ecco cosa significano e come farli correttamente.
TAG: Adulti | Benessere psicofisico | Disturbi dell'umore | Estate | Eventi salute | Giovani | Psicosomatica | Sport e Fitness | Medicina dello sport | Salute mentale
Mara Pitari
Scritto da:
Mara Pitari
Giornalista & web content editor