02/03/2015

Importanza del vaccino anti-hpv per gli adolescenti

Redazione Paginemediche
Scritto da:
Redazione Paginemediche

Sette anni fa il lancio della campagna di vaccinazione anti-HPV. Un passo avanti importante per la lotta contro il cancro della cervice uterina perchè questo tipo di tumore nasce e si sviluppa proprio grazie al virus Hpv, che si contrae per via sessuale.

Sette anni fa con grande soddisfazione medici ed istituzioni offrivano gratuitamente il Vaccino a tutte le preadolescenti per proteggerle da uno dei tumori più aggressivi e diffusi tra la popolazione femminile e l’obiettivo fissato era quello di vaccinare entro tre anni il 95% delle ragazzine.

Oggi i dati rivelano che si è molto lontani dal raggiungimento di questo obiettivo: alla fine di giugno 2014 sono state vaccinate per con l’intero ciclo, che consta di 3 dosi, il 70% delle ragazzine nate tra il 1997 e il 2000 e in alcune regioni non si arriva al 60%, come in Campania o in Sicilia.

Perché questa scarsa adesione da parte dei genitori?
Per rispondere alla domanda il Ministero della Salute ha condotto uno studio intervistando un campione di famiglie che avendo potuto vaccinare le proprie figlie hanno deciso di non farlo.

I ricercatori dell’Istituto Superiore di Sanità spiegano sulla rivista Bmc Infectious Diseases che le cause che spingono i genitori a non vaccinare sono principalmente tre:

  • la paura di eventi avversi,
  • informazioni discordanti ricevute dai medici,
  • scarse notizie riguardanti l’Infezione .

La resistenza è indubbiamente anche legata al tabù del sesso: per il 45% dei genitori vaccinare a 11 anni è troppo presto, è come se le si autorizzasse ad avere rapporti sessuali. Ma in realtà è proprio questa l’età in cui il vaccino garantisce la sua massima efficacia: protegge nel 98-100 percento dei casi.

Per quanto riguarda gli effetti collaterali preoccupano 8 genitori su 10: il vaccino può causare arrossamento, gonfiore, dolore e prurito e qualche linea di febbre. Ma si tratta di effetti collaterali minimi rispetto al rischio di contrarre un virus che può causare il cancro. Ed è proprio sull’informazione che si deve lavorare di più: non tutti i genitori hanno ben chiaro quanto l’infezione da Hpv aumenti il rischio di tumore e in molti casi non si rivolgono al proprio medico i in caso di dubbio, oppure ricevono informazioni contraddittore o non convincenti.

Guarda il video "Papilloma Virus: quali sono i sintomi?"

TAG: Ginecologia e ostetricia | Salute femminile | Virus | Vaccinazioni | Igiene e medicina preventiva | Prevenzione | Organi Sessuali
Redazione Paginemediche
Scritto da:
Redazione Paginemediche