Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

23/05/2016

Pronti, Partenza… Tweetta! #MSDay24

pronti partenza tweetta msday24
Redazione Paginemediche
Scritto da:
Redazione Paginemediche

Un’innovativa campagna di comunicazione e sensibilizzazione sulla Sclerosi Multipla attraverso i 140 caratteri di Twitter, diffondendo in tutto il mondo il messaggio della Giornata Mondiale: “La SM non ci ferma”. 



Roma, 20 maggio 2016 – Prosegue l’impegno di Merck nel sostenere la comunità internazionale dei pazienti affetti da Sclerosi Multipla (SM) che conta oltre 2,4 milioni di persone. In occasione della Giornata Mondiale della Sclerosi Multipla del prossimo 25 maggio, Merck lancia infatti il suo primo Tweetathon, maratona Twitter globale di 24 ore. Scopo dell’iniziativa è sensibilizzare su questa malattia, e sull’impatto su chi ne è colpito e su chi gli sta vicino. Tramite gli hashtag #strongerthanMS e #MSDay24, Merck si farà portavoce in tutto il mondo del messaggio della Giornata Mondiale: “La SM non ci ferma”, confermando impegno, attenzione e ricerca per un mondo indipendente dalla Sclerosi Multipla. I primi tweet partiranno dall’Australia. A seguire – per le 24 ore della Giornata – quelli di altri 20 paesi, Italia compresa. Anche il nostro paese, infatti, sosterrà la campagna “La SM non ci ferma”, partecipando alla Tweetathon e contribuendo così a formare una catena virtuale che unirà tutto il mondo. 

“Per la Giornata di quest’anno, abbiamo voluto mettere a disposizione il nostro network globale per dimostrare il nostro impegno e la nostra vicinanza nei confronti di tutti i pazienti del mondo”, - dichiara Antonio Messina, Presidente ed Amministratore Delegato di Merck Serono S.p.A. – “Twitter, attraverso il nostro account Corporate @MerckGroup, ci aiuterà a diffondere il messaggio di sensibilizzazione sulla SM da una nazione all’altra e a manifestare il nostro sostegno a tutte le persone che convivono con questa malattia.”
 

La Sclerosi Multipla


La SM è una malattia cronica progressiva che colpisce il sistema nervoso centrale (cervello, nervi ottici e midollo spinale). È la malattia neurologica più comune nei giovani adulti e, in Italia, ne sono affette circa 110.000 persone. La SM è causata dal danneggiamento della mielina – una sostanza composta da acidi grassi, paragonabile al rivestimento dei fili elettrici, che ricopre i nervi. La mielina consente la trasmissione rapida e coordinata degli impulsi nervosi. Sono la velocità e l'efficienza con le quali questi impulsi nervosi sono condotti che consentono l'esecuzione di movimenti armonici, rapidi e coordinati con uno sforzo consapevole limitato. Nella SM, la perdita di mielina (demielinizzazione) è accompagnata da un’interruzione della capacità dei nervi di condurre impulsi elettrici, dal e al cervello.3 I sintomi della SM possono variare enormemente ed includono visione sfocata, debolezza negli arti, sensazioni di formicolio, mancanza di equilibrio e stanchezza. Per alcune persone, la SM è caratterizzata da periodi di ricaduta e di remissione, mentre, per altre, ha uno sviluppo progressivo. In generale, la SM non ha un decorso prevedibile.
 
TAG: Neurologia | Malattie neurologiche
Redazione Paginemediche
Scritto da:
Redazione Paginemediche