27 Maggio 2015
|
1 minuto

Rimedio a base di erbe derivato dal cardo mariano, efficace per la steatoepatite non alcolica

Nuove conferme dell'efficacia del cardo mariano.

Il risultato è frutto di un piccolo studio presentato all'Easl 2015 di Vienna da un gruppo di ricercatori del Dipartimento di Medicina dell’University of Malaya di Kuala Lumpur. Al centro della ricerca è la silimarina, una sostanza che deriva dal cardo mariano e che è già usata come rimedio erboristico per le malattie del fegato per le sue proprietà antiossidanti, antinfiammatorie e antifibrotiche, già dimostrate da studi In vivo e In vitro.

Alla studio si sono sottoposti 64 pazienti affetti da steatoepatite non alcolica e di questi 30 hanno ricevuto 700 mg al giorno di silimarina, mentre agli altri è stato dato un Placebo.

Una biopsia al termine del trattamento, cioè dopo 48 settimane, ha mostrato la superiorità del rimedio vegetale rispetto al placebo.

I pazienti sono migliorati e nessuno ha sviluppato una cirrosi, il contrario di quanto è accaduto a 4 pazienti del gruppo placebo.

Cerca un medico nella tua città
Specialista in Medicina alternativa (agopuntura, omeopatia...) e Malattie infettive
Brescia (BS)
Specialista in Colonproctologia e Chirurgia dell'apparato digerente
Cantù (CO)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Gastroenterologia e Chirurgia generale
Messina (ME)
Specialista in Gastroenterologia
Termoli (CB)
Specialista in Gastroenterologia e Epatologia
Roma (RM)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Pediatria e Gastroenterologia
Milano (MI)
Specialista in Gastroenterologia
Catania (CT)
Specialista in Medicina interna e Gastroenterologia
Spinea (VE)
Specialista in Gastroenterologia e Epatologia
Palermo (PA)
Specialista in Medicina interna e Gastroenterologia
Cagliari (CA)