Calcio per la prevenzione dell'osteoporosi

Calcio per la prevenzione dell'osteoporosi

Un’alimentazione ricca di calcio è essenziale per mantenere le ossa sane e prevenire l’osteoporosi.
In questo articolo:

Il calcio è un importante elemento costitutivo delle ossa: lo scheletro, infatti, ospita il 99% delle riserve di calcio del corpo, necessarie per mantenerle forti e sane nel tempo.

Ma quanto calcio bisogna assumere per prevenire l’osteoporosi?

Calcio per la salute delle ossa

Per mantenere in salute le ossa è necessario assumere la giusta quantità di calcio.

Tuttavia, a seconda delle diverse fasi della vita cambia il fabbisogno, infatti,

  • durante l’adolescenza, è necessario più calcio perché le ossa crescono rapidamente,
  • tra i 18 e i 50 anni bastano 1.000 mg di calcio quotidiano per mantenere in salute le ossa
  • dopo i 50 anni, nelle donne in menopausa, può accelerarsi la perdita di massa ossea per la diminuzione degli estrogeni;
  • dopo i 70 anni la capacità dell’organismo di assorbire il calcio diminuisce e il corpo richiederà quantità superiori (1.200 mg).

Osteoporosi: i fattori di rischio

L’osteoporosi è una malattia sistemica dell’apparato scheletrico, caratterizzata da una bassa densità minerale e dal deterioramento del tessuto osseo, con conseguente aumento della sua fragilità legato prevalentemente all’invecchiamento.

Questa situazione porta, conseguentemente, a un aumentato rischio di frattura per traumi anche minimi. Si stima che in Italia l’osteoporosi colpisca circa 5 milioni di persone, di cui l’80% sono donne in post menopausa.

Quindi, tra i fattori di rischio osteoporosi, oltre al fatto di non assumere abbastanza calcio nella dieta e avere un’età superiore ai 50 anni, troviamo:

  • avere una corporatura piccola e magra;
  • una storia familiare di osteoporosi;
  • l’utilizzo di alcuni farmaci come trattamenti per il cancro, convulsioni, steroidi.

Calcio per prevenire l'osteoporosi: cosa mangiare

Per assicurare il giusto fabbisogno di calcio ad ogni età è consigliato assumere gli alimenti giusti:

  • latticini a basso contenuto di grassi, come latte, yogurt e formaggio;
  • verdure a foglia larga come il cavolo e i broccoli;
  • frutta secca (tipo noci, mandorle);
  • frutta fresca (come le arance, albicocche);
  • soia, tipo tofu;
  • alcuni tipi di pane, cereali, bevande, acqua minerale arricchite di quantità significative di calcio.

Allo stesso tempo, è importante non esagerare con gli alimenti ricchi di fosforo come la carne rossa, i cibi elaborati e carichi di conservanti e le bevande gasate. Un eccesso di fosforo nella dieta, infatti, accelera la perdita di calcio e magnesio nelle ossa.

Cerca un medico nella tua città
Specialista in Endocrinologia e malattie del ricambio e Ortopedia e traumatologia
Gravina di Catania (CT)
Specialista in Endocrinologia e malattie del ricambio e Pediatria
Bari (BA)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Endocrinologia e malattie del ricambio
Napoli (NA)
Specialista in Endocrinologia e malattie del ricambio
Catania (CT)
Specialista in Ortopedia e traumatologia
Bergamo (BG)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Diabetologia e malattie del metabolismo e Endocrinologia e malattie del ricambio
Roma (RM)
Specialista in Endocrinologia e malattie del ricambio
Avellino (AV)
Specialista in Endocrinologia e malattie del ricambio
Santa Maria Capua Vetere (CE)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Ortopedia e traumatologia
Cazzago San Martino (BS)
Specialista in Endocrinologia e malattie del ricambio e Diabetologia e malattie del metabolismo
San Vito dei Normanni (BR)