Anno nuovo: via alla depurazione!

anno nuovo via alla depurazione

L’Epifania tutte le feste si porta via! Sono ancora vividi i ricordi dei ritmi più rilassati, dei pomeriggi in panciolle, delle dormite fino a tardi la mattina e sicuramente anche di qualche eccesso alimentare. Ma non colpevolizziamoci troppo, anche se il ricordo dei vari pranzi, cenoni e veglioni pesa ancora sul nostro fegato. Pensiamo piuttosto a come iniziare bene l’anno: ad esempio con un bel programma di depurazione, che porterà beneficio al nostro corpo e anche allo spirito, senza richiederci troppi impossibili sacrifici.

Se durante le feste abbiamo esagerato con le proteine animali (carni, insaccati, latticini e in misura minore pesce) e con i grassi 'cattivi' (contenuti soprattutto nella carne, nei latticini, nei fritti e nei dolci industriali), qualche piccolo consiglio disintossicante può di sicuro tornarci utile.

Depurazione al limone…

Ad esempio, potremmo iniziare la giornata con un’azione depurativa a base di succo di limone. Esistono varie versioni di questa “cura”, che prevedono l’assunzione quotidiana di quantità più o meno alte di succo di limone appena spremuto e diluito in acqua tiepida.

I benefici sono numerosi e collegati soprattutto al miglioramento della funzione depurativa svolta dal fegato, che gli eccessi natalizi potrebbero aver appesantito.

Ma il limone è anche un’eccellente fonte di vitamina C, perciò la cura rafforza il Sistema immunitario, aiutandolo a difenderci dai temuti disturbi di stagione.

Inoltre il limone, in virtù della sua acidità, è un alcalinizzante, ed è pertanto di grande aiuto nel contrastare l’acidosi, condizione che tende ad essere aggravata da un’Alimentazione troppo ricca di proteine animali.

Il limone è utilissimo anche in caso di reumatismi e osteoporosi (perché fissa il calcio), dolori articolari, calcoli, insufficienza renale, acidi urici e colesterolo elevati.

Infine, contrariamente a quanto si pensi, il succo di limone è un ottimo regolatore intestinale, specie se assunto la mattina a digiuno e diluito in acqua tiepida.

Meglio evitare la cura dei limoni se si soffre di gastrite o acidità di stomaco.


..e all’argilla

Un altro rimedio depurativo della tradizione è rappresentato dai cataplasmi di argilla sul ventre. Si tratta di applicazioni sul ventre, della durata di qualche ora, di una pappina ottenuta miscelando acqua e argilla.

L’impacco all’argilla è un ottimo rimedio depurativo e antiinfiammatorio. L’argilla è ottima per la depurazione perché assorbe ed estrae dal corpo le tossine, inoltre applicata sull’addome  spegne la cosiddetta “febbre intestinale”, togliendo calore agli organi digestivi e ristabilendo l’equilibrio termico del corpo. Per questi motivi è indicata in tutti i casi di intossicazione, nelle problematiche dell’apparato digerente (aerofagia, gastrite, meteorismo, colite, stipsi…), negli stati infiammatori acuti e cronici, in caso di febbre e quando c’è bisogno di una stimolazione del sistema immunitario.

Per potenziare l’effetto depurativo degli impacchi è possibile aggiungere alla pappina di acqua e argilla qualche goccina di olio essenziale. Gli oli essenziali di Limone, Carota, Sedano, Elicriso, Solidago sono tutti efficaci per la depurazione, agendo soprattutto a livello epatico.

Anche un fiore di Bach, il Crab Apple, può essere mescolato alla pappina di argilla con l’intento di sostenere il processo depurativo, questa volta a un livello più “sottile”. Anche in questo caso è sufficiente una sola goccia. In alternativa, il Crab Apple può essere assunto per bocca, secondo due modalità a seconda del tipo di depurazione che si vuole ottenere.

Come tutti i programmi depurativi ben fatti, quello dei limoni e dei cataplasmi di argilla potrebbero dare luogo a sintomi poco piacevoli, quali: malessere, nausea, mal di testa, pruriti, eruzioni cutanee, sblocchi emotivi. Si tratta di sintomi transitori, segno che l’organismo sta reagendo. Tuttavia, onde evitare rischi, è bene affidarsi a un medico o a un naturopata prima di intraprendere qualsiasi programma di depurazione.

 

A cura di
Elisabetta Torricelli

specialista in Naturopatia, Aromaterapia, Nutrizione

 

Fonti:

Curarsi con l'Acqua di Catia Trevisani, Elisabetta Poggi Edizioni URRA'
Fondamenti di Nutrizione di Catia Trevisani Edizioni Enea
Il grande libro delle terapie naturali di Paolo Pigozzi Edizioni Demetra
Fiori di Bach e Naturopatia di Catia Trevisani Edizioni Enea
Aromaterapia Naturopatica di Luca Fortuna Edizioni Enea

06/08/2015
14/01/2011
TAG: Scienza dell'alimentazione | Nutrizione | Benessere psicofisico