Lampade, docce e lettini abbronzanti: consigli per evitare rischi e pericoli
27 Giugno 2013
|
2 minuti

Lampade, docce e lettini abbronzanti: consigli per evitare rischi e pericoli

È importante osservare delle regole per un utilizzo in tutta sicurezza della lampada abbronzante. Evitatela se avete la pelle molto chiara.

Nel Settecento le donne, per sembrare più belle, si ricoprivano di cipria perché più bianca era la loro pelle, tanto più affascinanti risultavano. Ciò era dovuto essenzialmente all'esigenza di distinguersi dai contadini, che avevano, invece, la pelle scura a causa del sole. Oggi, invece, c'è chi farebbe carte false per avere una pelle abbronzata tutto l'anno. Gli strumenti per farlo ci sono, bisogna però fare attenzione ad usarli in tutta sicurezza.

Le lampade abbronzanti hanno dato, nel corso degli ultimi 20 anni, alla maggior parte delle donne, e degli uomini, la possibilità di avere una bella pelle ambrata durante tutto l'anno. Poco conosciute esse stesse e poco noti anche gli effetti che potevano avere, hanno regalato troppo spesso, nei primi anni del loro utilizzo, Ustioni, invecchiamento cutaneo e, nei casi più gravi, anche melanoma. In realtà, la lampada abbronzante non è una macchina diabolica; basta utilizzarla con intelligenza.

Le lampade sono dei macchinari che, grazie ai raggi UVA, condizionano i melanociti a produrre melanina e quindi a rendere la pelle abbronzata. I raggi UVA, però, sebbene non siano nocivi quanto quelli UVB, comunque arrivano negli strati più profondi della Cute e, quindi, sono potenzialmente pericolosi e potrebbero causare un precoce invecchiamento cutaneo o lasciare la pelle a macchie.

È importante, se si decide di fare una lampada, osservare alcune regole:

  1. prima di sottoporvi a lampada, consultate un dermatologo per assicurarvi di essere nelle condizioni ideali per sottoporvi al trattamento;
  2. il giorno prima fate degli impacchi idratanti;
  3. appena prima applicate una crema solare sulle parti del corpo esposte e sulla bocca uno stick ad alta protezione; coprite gli occhi con degli appositi occhialini;
  4. evitate di depilarvi e di mettere del profumo o deodorante prima di fare la lampada, perché potreste avere delle reazioni allergiche piuttosto importanti;
  5. se avete subito un'operazione chirurgica, evitate di esporvi per almeno un anno perché la pelle dove avete la cicatrice è troppo delicata;
  6. non pensate di esporvi subito per molto tempo; l'esposizione deve essere graduale: l'ideale è una volta a settimana per almeno 3 settimane per poi aumentare e cominciare da 5 minuti per arrivare poi a 20 pian piano;
  7. evitate assolutamente la lampada se avete una carnagione molto chiara, se avete fragilità Capillare, couperose e malattie autoimmuni poiché tutte queste condizioni tendono a peggiorare con l'esposizione ai raggi UVA; evitate anche se avete meno di 18 anni, poiché la pelle a questa età è ancora molto fragile e rischiereste di rovinarvela a vita.
Cerca un medico nella tua città
Specialista in Dermatologia e venereologia
Milano (MI)
Specialista in Allergologia e immunologia clinica e Dermatologia e venereologia
Messina (ME)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Dermatologia e venereologia
Barga (LU)
Specialista in Dermatologia e venereologia
Salerno (SA)
Specialista in Dermatologia e venereologia
Palermo (PA)
Specialista in Dermatologia e venereologia
Prov. di Verbano Cusio Ossola
Specialista in Dermatologia e venereologia e Dermosifilopatia
Salerno (SA)
Specialista in Dermatologia e venereologia
Roma (RM)
Specialista in Dermatologia e venereologia e Medicina estetica
Aversa (CE)
Specialista in Dermatologia e venereologia
Prov. di Bari