Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

Pelle sensibile: come riconoscerla e come proteggerla

pelle sensibile come riconoscerla e come proteggerla
Redazione Paginemediche
Scritto da:
Redazione Paginemediche

A volte la pelle comincia a bruciare, a pizzicare e a tirare. Si irrita se c'è vento o si arrossa con lo smog ed il trucco. È in questi casi che ci si accorge di avere una pelle troppo sensibile. In realtà, bisogna distinguere bene la pelle che diventa sensibile da quella che lo è per natura.

Infatti, mentre nel primo caso, la sensibilità eccessiva scompare appena cessa la causa (freddo troppo intenso, prodotti per il viso troppo aggressivi, make-up troppo forte), nel secondo caso essa dura vita natural durante.

Come la riconosco?

Riconoscere una pelle molto sensibile è piuttosto facile: si irrita subito, si arrossa e si screpola facilmente. Questo accade perché il film idrolipidico (formato da acqua e grasso) che dovrebbe proteggerla non è abbastanza sviluppato e non riesce a compiere a dovere il suo compito.

È chiaro che può accadere anche ad una pelle normale di arrossarsi, ma la pelle sensibile si arrossa al primo alito di vento oppure quando ci si strucca anche delicatamente. Inoltre, quando si è stanche o stressate, accade sovente di trovarla a chiazze rosse oppure fortemente secca stando anche solo qualche minuto all'aria aperta.

Cosa usare per la pelle sensibile?

Se avete una pelle molto sensibile, l'ideale è utilizzare dei prodotti molto cremosi ed idratanti. In particolare, questi prodotti devono:

  • avere un effetto barriera, che aiuta il film idrolipidico a ricostituirsi e il viso ad essere sempre protetto;
  • essere ipoallergenici, cioè senza profumi, coloranti o conservanti che possano innescare reazioni allergiche;
  • contenere preferibilmente sostanze che sono emollienti e nutrono allo stesso tempo quali il karitè, l'olio di oliva, l'aloe;
  • contenere degli antiossidanti, ad esempio, il coenzima Q10;
  • contenere dei filtri contro i raggi solari;
  • contenere vitamina H per aumentare le difese naturali della pelle.

Come posso proteggere la pelle sensibile?

Riconoscerla ed utilizzare i prodotti specifici non basta. Bisogna prevenire i momenti di sensibilità spiccata, svolgendo un'azione combinata su più fronti.

Ad esempio, cercare di esporvi al freddo e al vento il meno possibile; se necessario, copritevi con una sciarpa, in modo da mantenere una temperatura costante ed evitare sbalzi di temperatura. Lavatevi con acqua tiepida, perché l'acqua troppo calda dilata i capillari.

A tavola evitate i cibi troppo piccanti o gli alcolici e bevete molto, almeno due litri di acqua al giorno, per mantenere sempre idratata la pelle. Inoltre, evitate il fumo, perché la nicotina tende a restringere i capillari.

Leggi anche:
L’aloe presenta notevoli benefici: ottima per la cosmesi, depura l’organismo dalle tossine e, secondo alcuni, aiuta persino a prevenire il tumore.
22/11/2018
09/09/2011
TAG: Dermatologia e venereologia | Pelle | Giovani | Adulti | Inverno
Redazione Paginemediche
Scritto da:
Redazione Paginemediche