Fumo: i rischi per il cuore e i vantaggi per chi smette

fumo i rischi per il cuore e i vantaggi per chi smette
Redazione Paginemediche
Scritto da:
Redazione Paginemediche

Nel mondo ogni anno muoiono, per malattie dovute al fumo, 4 milioni di persone (7 persone ogni minuto).
In Italia la stima è di circa 100.000 morti all'anno per malattie dovute al fumo, di cui il 25% in un'età compresa tra 35 e 65 anni.

Non è mai troppo tardi per smettere! Indipendentemente da quando e quanto fumi, se smetti di fumare il tuo rischio di infarto cardiaco e di Ictus cerebrale inizia a ridursi. Molti vantaggi si ottengono già dopo poche settimane dalla sospensione del fumo e presto il tuo rischio cardiovascolare sarà simile a quello di chi non ha mai fumato.

I vantaggi dello smettere di fumare

Smettere di fumare allunga la speranza di vita e si riduce l'insorgenza di malattie:

  • I maschi e le femmine che smettono di fumare tra i 35 e 39 anni, vivono in media, rispettivamente 5 e 3 anni di più, rispetto ai coetanei che continuano a fumare; i maschi e le femmine che smettono di fumare tra i 65 e i 69 anni aumentano la loro aspettativa di vita in media di 1 anno.

  • La pressione del Sangue e la frequenza del battito cardiaco diminuiscono. Il rischio di avere un infarto cardiaco si riduce del 50% dopo 1 anno. Il rischio di avere un ictus cerebrale regredisce in 5-10 anni.

  • Il rischio di cancro del polmone è paragonabile a quello di chi non ha mai fumato dopo 10 anni dalla sospensione.

Smettere di fumare migliora la qualità della vita:

  • olfatto e gusto migliorano già dopo alcuni giorni;
  • la pelle ritorna più luminosa dopo alcune settimane;
  • i denti diventano più bianchi;
  • l'alito diventa più gradevole;
  • gli abiti e i capelli non hanno più l'odore di fumo;
  • il respiro migliora e scompare la tosse da fumo;
  • si salgono più facilmente le scale;
  • ci si sente meglio risparmiando anche soldi.

Quali danni provoca il fumo?

Le sostanze nocive presenti nel fumo di sigaretta danneggiano l'organismo con diverse azioni:

  • cancerogena (sviluppo e accrescimento del cancro del polmone, del cavo orale, della laringe, dell'esofago, del pancreas, della vescica del rene);
  • irritante (tosse, bronchite cronica, enfisema);
  • ossidante (enfisema, atero-sclerosi sotto forma di infarto cardiaco, ictus cerebrale, emorragia cerebrale, trombosi, invecchiamento precoce).

Il fumo riduce inoltre il trasporto di ossigeno ai tessuti e fa aumentare la pressione arteriosa e la frequenza cardiaca. Senza contare il colore delle dita delle mani e l'alito e gli abiti impregnati!

I danni del fumo passivo

Il fumo di sigaretta rappresenta la principale fonte di inquinamento negli ambienti chiusi. La correlazione tra il fumo passivo e l'insorgenza di malattie cardiovascolari e di cancro nei non fumatori è ben nota. Il fumo passivo è considerato cancerogeno per l'uomo. Il fumo passivo è particolarmente dannoso per i neonati e per i bambini.

Gli effetti del fumo sulla gravidanza

Durante la gravidanza, a fumare una sigaretta sono sempre in due: la mamma e il bambino. Gli effetti nocivi sul nascituro sono rappresentati da una crescita ritardata del feto dovuta ad una minore irrorazione sanguigna e ossigenazione.

Anche il fumo del sigaro o della pipa è dannoso

Anche i fumatori di pipa o di sigari hanno un aumentato rischio di morte per infarto cardiaco e ictus cerebrale; tuttavia l'incremento di rischio è minore rispetto ai fumatori di sigarette, probabilmente per la minore quantità di fumo inalato.

In che modo il fumo danneggia il cuore e le arterie?

Il fumo di sigaretta aumenta il rischio di Aterosclerosi e di infarto cardiaco:

  • può danneggiare le cellule che rivestono internamente i vasi arteriosi (endotelio) favorendo la formazione delle placche di aterosclerosi, che a livello coronarico possono diventare causa di infarto cardiaco;

  • può alterare la funzione del sangue, favorendo la formazione di trombi;

  • aumenta il monossido di carbonio nel sangue, riducendo la disponibilità di ossigeno per il cuore e per altri tessuti vitali;

  • la nicotina, come già detto, aumenta la frequenza del battito cardiaco e la pressione arteriosa.

Vi sono altri fattori che, come il fumo, fanno aumentare il rischio di aterosclerosi coronarica e infarto cardiaco: l'ipertensione, il diabete, gli alti valori di colesterolo nel sangue, l'obesità e uno stile di vita sedentario. Se un fumatore ha uno o più fattori di rischio la probabilità di malattia o di morte per aterosclerosi coronarica o infarto cardiaco si moltiplica.

Il fumo di sigarette è il più importante fattore di rischio di infarto cardiaco nei giovani (sotto i 50 anni) e nelle donne.
Le donne hanno un rischio di infarto cardiaco 6 volte maggiore rispetto alle non fumatrici. Le donne che fumano ed usano contraccettivi orali hanno un rischio di infarto carico o di ictus 5 volte più alto rispetto alle donne non fumatrici che usano contraccettivi orali.

Che cosa introduciamo con il fumo di sigaretta?

Quando si fuma una sigaretta, oltre alla nicotina, introduciamo nel nostro organismo una gran quantità di sostanze nocive per la salute.

La parte visibile del fumo contiene catrame. Se si fumano 20 o più sigarette al giorno, si accumulano ogni anno nei polmoni da 100 a 600 grammi di questo materiale scuro, appiccicaticcio, costituito da una complessa miscela di idrocarburi aromatici, cancerogeni.
È giusto sapere che la concentrazione di queste sostanze nel fumo di sigaretta è 10.000 volte maggiore di quella presente nell'atmosfera in una strada nell'ora di punta!

La parte non visibile del fumo che rappresenta la maggior parte di ciò che viene aspirato, contiene gas tossici tra cui il monossido di carbonio (sostanza emessa anche dai gas di scarico delle automobili), l'ammoniaca, le nitrosamine, i nitrili, gli idrocarburi volatili, la formaldeide ecc. Alcune di queste sostanze derivano dai fertilizzanti e pesticidi usati per la coltivazione del tabacco. Il monossido di carbonio si sostituisce all'ossigeno nei globuli rossi e riduce la capacità di respirazione di tutti i tessuti.

Tutte queste sostanze non solo si depositano nei polmoni, ma vengono anche assorbite nel sangue e quindi in tutto l'organismo di chi fuma, e si disperdono nell'ambiente contribuendo all'inquinamento (fumo passivo).

Come smettere di fumare

La stragrande maggioranza dei fumatori inizia nell'adolescenza o ancor prima. L'industria produttrice di sigarette fa leva sulla particolare suscettibilità dei giovani e propone attraverso la pubblicità modelli persuasivi.

La nicotina è responsabile della dipendenza dal fumo. La nicotina, presente in tutti i tipi di tabacco, è una sostanza che dà dipendenza. Assorbita dai polmoni, raggiunge il cervello dove interferisce con la funzione di alcune cellule. Con il tempo però la nicotina danneggia le stesse cellule nervose rendendole incapaci di funzionare se la sostanza non è presente. Si instaura, così una vera e propria tossicodipendenza, con relativa crisi di astinenza.

Per coloro che devono smettere le maggiori difficoltà si evidenziano entro 24 ore dall'ultima sigaretta ed il punto più critico, per resistere alla tentazione di ricominciare a fumare, si verifica nei primi 4 giorni. I sintomi dell'astinenza, però, tendono ad attenuarsi tra la prima settimana e il primo mese.

I fumatori sono una minoranza della popolazione, ad oggi circa un terzo degli adulti. Il desiderio di smettere di fumare è presente in oltre 4 su 5 fumatori.
Smettere di fumare è una delle cose più importanti che una persona possa fare per proteggere la propria salute, anche se spesso non è molto facile riuscirci. Molti fumatori infatti tentano di smettere più volte prima di avere successo.

Esistono oggi diverse strategie per aiutare i fumatori a smettere di fumare:

  • consigli per chi vuole smettere di fumare da solo;
  • tecniche di supporto individuale;
  • terapie di gruppo;
  • trattamenti farmacologici con sostanze che attenuano i sintomi di astinenza (nicotica e bupropione) da assumere sotto controllo medico.

Interventi combinati, ad esempio terapie di supporto e farmacologiche sembrano essere particolarmente efficaci.

È attivato in Italia un Numero Verde contro il Fumo (800 554088). Si tratta di un servizio nazionale, anonimo e gratuito, operativo dal lunedì al venerdì dalle ore 10.00 alle ore 16.00.

Leggi anche:
Nonostante non produca combustione, la sigaretta elettronica non è totalmente innocua. Alcune sostanze contenute possono essere nocive per la salute.
07/09/2018
06/12/2006
TAG: Cuore | Malattie dell'apparato cardiovascolare | Polmoni e bronchi | Tumori | Prevenzione | Medicina delle dipendenze
Redazione Paginemediche
Scritto da:
Redazione Paginemediche