Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

Antinfiammatori non steroidei: guida al corretto utilizzo

antinfiammatori non steroidei guida al corretto utilizzo
Paginemediche
Scritto da:
Paginemediche

Mal di denti, mal di schiena, mal di testa e dolori legati a traumi articolari: sono esperienze di tutti i giorni per le quali  può essere utile il ricorso ad un farmaco antinfiammatorio di tipo non steroideo (FANS).

 

I FANS: cosa sono

I FANS sono un'ampia classe di farmaci ad azione antinfiammatoria, analgesica e antipiretica nella quale rientrano alcune delle più note molecole utilizzare per contrastare il dolore: ibuprofene, nimesulide, ketoprofene, naprossene e diclofenac.

 

Come utilizzarli

L’ampio utilizzo di questa classe di farmaci è legato alle ben note caratteristiche di efficacia e rapidità nei sintomi dolorosi e negli stati infiammatori. Ma, come per tutti i farmaci, è anzitutto necessario valutare la reale esigenza del loro impiego e utilizzarli nel pieno rispetto delle loro indicazioni.
Sarebbe inoltre sempre opportuno rivolgersi al consiglio del medico per la valutazione complessiva dello stato di salute e per la scelta della terapia più idonea in termini di efficacia e di prevenzione di eventuali effetti indesiderati.

 

Effetti collaterali

Per tutti i farmaci il successo terapeutico dipende anche dalla valutazione dei possibili effetti collaterali e dall’attuazione di comportamenti che possano prevenirli.
Gli effetti collaterali più comuni dei FANS sono a carico dell’apparato gastrointestinale. Questi disturbi si esprimono soprattutto come dolori addominali, bruciori gastrici e reflusso gastroesofageo: sono fastidiosi, ma soprattutto possono essere un campanello d’allarme di effetti più rilevanti quali ulcere della Mucosa gastrointestinale e conseguenti sanguinamenti.

Per un impiego sicuro dei FANS si raccomanda pertanto di rispettare alcuni semplici suggerimenti come utilizzare il minimo dosaggio efficace per il tempo strettamente necessario alla risoluzione del sintomo e preferire i FANS con il miglior profilo di sicurezza gastrointestinale.

 

Ibuprofene, nimesulide e tollerabilità gastrointestinale

Tra i FANS maggiormente utilizzati ibuprofene e nimesulide rappresentano un esempio di farmaci con buon profilo di tollerabilità gastrointestinale.

Ibuprofene è il principio attivo di numerosi farmaci che svolgono soprattutto azione analgesica, mentre nimesulide è caratterizzata da una più spiccata efficacia antinfiammatoria.

Entrambi presentano una bassa incidenza di disturbi alla mucosa gastrica e nello specifico si caratterizzano per un rischio di sanguinamento gastroduodenale molto più basso rispetto agli altri farmaci della loro classe (es. ketoprofene e diclofenac).

buona tollerabilità di nimesulide (per anni messa sotto accusa) e confermando questa molecola come valida opportunità terapeutica nel trattamento degli stati dolorosi e infiammatori.

Leggi anche:
Paracetamolo, AAS e naproxene sono i tre principi attivi degli antipiretici. Attenzione agli effetti collaterali, soprattutto per i bambini.
15/11/2016
30/01/2011
TAG: Farmacologia
Paginemediche
Scritto da:
Paginemediche