Logo Paginemediche
  • Programmi
  • Visite
  • Salute A-Z
  • Chi siamo
  • MediciMedici
  • AziendeAziende
Come proteggere la voce
2 minuti di lettura

Come proteggere la voce

Le dieci regole degli esperti del Policlinico di Milano per salvare la voce e le corde vocali ed evitare i rischi di patologie.

Insegnanti, operatori di call center, venditori, sono alcuni dei professionisti che, con il loro lavoro, mettono più a rischio la voce e le corde vocali.

Gli ambienti sempre più rumorosi, inoltre, portano le persone ad alzare spesso la voce nelle conversazioni quotidiane e questo espone le corde vocali a maggiori rischi di patologie. Di seguito il decalogo salva voce redatto dagli esperti del Policlinico di Milano.

  1. Non parlare mai troppo in fretta, e fare pause per riprendere fiato.
  2. Bere almeno 1,5-2 litri di acqua al giorno, per non disidratare le corde vocali.
  3. Non bere troppo caffè, tè o bevande contenenti Caffeina: favoriscono la diuresi e la disidratazione.
  4. Non alzare la voce per richiamare l’attenzione, ma usare modi alternativi.
  5. In casa e in ufficio tenere un tasso di umidità minimo del 40%: l’aria troppo secca è dannosa per la voce.
  6. Non cercare di superare il Rumore ambientale, ed evitare di parlare a lungo in luoghi rumorosi.
  7. Sul lavoro, per farsi sentire da molte persone, è meglio utilizzare un microfono, quando possibile.
  8. Non chiamare gli altri da lontano, ma avvicinarsi alle persone con cui si vuole comunicare.
  9. Evitare di parlare durante l’esercizio fisico: non si ha abbastanza fiato per sostenere la voce senza sforzo.
  10. Cercare di avere sane abitudini di vita: niente fumo, alcolici con moderazione, Alimentazione ricca di frutta e verdura, pasti regolari e non troppo abbondanti, numero adeguato di ore di riposo.

L’hai trovato utile?

Condividi

Iscriviti alla newsletter di Paginemediche
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali