I bambini italiani hanno problemi di sonno

I bambini italiani hanno problemi di sonno

Un'indagine condotta mette l'accento sulla carenza di sonno dei bambini italiani e sulle conseguenze negative per la loro salute.

Gli ultimi dati della Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale parlano chiaro: i bambini italiani dormono sempre meno e il 35-40% soffre di problemi di sonno durante la crescita.

I disturbi più frequenti sono la difficoltà nell’addormentamento o i risvegli frequenti nei primi anni di vita, ma anche il sonnambulismo e, soprattutto, la carenza di Sonno perché sono in pochi a dormire quanto dovrebbero per la loro età. Fino a un anno di vita servono, infatti, 14-18 ore di sonno fra il giorno e la notte per arrivare a 12-14 ore, distribuite nelle 24 ore, durante gli anni dell’asilo. Ma anche durante la scuola elementare e poi alle medie servirebbero 10-12 ore di sonno per arrivare a 8-10 una volta cominciate le superiori.

Nella realtà quotidiana, invece, le cose non stanno così.

Secondo i dati di una recente indagine dell’Osservatorio nazionale Paidòss sulla salute dell’infanzia e dell’adolescenza, infatti, oltre 1 milione di bambini fra i 3 e i 14 anni sonnambulismo e la maggioranza dei bimbi italiani oggi dorme in media 40 minuti in meno del dovuto. Questo cosa comporta?
Che numerosi sono gli effetti negativi: aggressività, sentimenti antisociali, iperattività, depressione. E per di più i bimbi che dormono poco sono più ansiosi e stressati, possono avere difficoltà maggiori a organizzarsi e a fare i compiti, capita che siano poco attenti e hanno minori stimoli creativi.

Inoltre ai disturbi del sonno si associa anche una ridotta attività sportiva e quindi un maggior rischio di obesità e sovrappeso nonchè una probabilità più elevata di malattia perché il Sistema immunitario è meno “reattivo”.

Ma i problemi di sonno è raro dipendano da patologie come l’asma, il reflusso, le apnee ostruttive o disturbi dell’orecchio. I veri responsabili - 8 volte su 10 - sono le cattive abitudini.

Le regole da rispettare per un buon sonno dovrebbero essere:

  • mantenere una routine prima di dormire;
  • andare a letto e svegliarsi più o meno sempre negli stessi orari;
  • terminare di cenare almeno due ore prima di dormire;
  • dormire in una camera confortevole per temperatura, luce, rumori;
  • imparare a rilassarsi prima del sonno;
  • evitare un esercizio fisico troppo intenso la sera tardi;
  • evitare bevande con Caffeina e cibi piccanti o zuccherati a partire da almeno tre, quattro ore prima di dormire;
  • nella camera dei bambini non ci dovrebbero essere televisione, computer, tablet o cellulari così che non li utilizzino durante la notte, in caso contrario vanno spenti e non lasciati in stand-by. L’ideale sarebbe bloccare anche i router wireless. In ogni caso computer, tablet o TV dovrebbero essere usati solo fino a un’ora prima di dormire.
Leggi anche:
Riposare bene è fondamentale per il benessere e la salute. Ecco consigli e ricerche per fare sogni sereni.
Cerca un medico nella tua città
Specialista in Pediatria
Napoli (NA)
Specialista in Pediatria
Prov. di Sondrio
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Pediatria e Gastroenterologia
Milano (MI)
Specialista in Pediatria e Pediatria e Neonatologia
Ripacandida (PZ)
Specialista in Allergologia e immunologia clinica e Pediatria
Castellammare di Stabia (NA)
Specialista in Pediatria
Prov. di Verbano Cusio Ossola
Specialista in Pediatria e Allergologia e immunologia clinica
Bergamo (BG)
Specialista in Pediatria
Canosa di Puglia (BT)
Specialista in Allergologia e immunologia clinica e Pediatria
Roma (RM)
Specialista in Pediatria e Gastroenterologia
Prov. di Foggia