Disturbi di respirazione durante il sonno in età pediatrica

disturbi di respirazione durante il sonno in eta pediatrica
Redazione Paginemediche
Scritto da:
Redazione Paginemediche

Tra gli screening tesi al mantenimento dello stato di salute e del benessere psico-fisico dei piccoli pazienti deve essere inserita la valutazione dei disturbi della respirazione durante il sonno in età pediatrica.

Essi possono variare dal semplice russamento fino alla Apnea ostruttiva del sonno (OSAS), una condizione che comporta episodi ripetuti di ostruzione parziale o completa delle vie aeree durante il sonno. Quando il respiro di un bambino viene interrotto durante il sonno, il corpo percepisce questo come un fenomeno di soffocamento. La frequenza cardiaca rallenta, aumenta la pressione del sangue, il cervello si risveglia e il Sonno è interrotto.

Pertanto anche i livelli di Ossigeno nel Sangue possono abbassarsi. Circa il 10 per cento dei bambini russa abitualmente e circa il 2- 4% della popolazione pediatrica presenta OSAS.

Il sintomo più evidente di una apnea ostruttiva del sonno è rappresentato dal russamento durante la maggior parte delle notti. Il russamento può essere interrotto da un blocco completo della respirazione con apnee associato a risvegli dal sonno. A causa della mancanza di sonno di buona qualità, un bambino può diventare irritabile, avere sonnolenza durante il giorno, o difficoltà a concentrarsi a scuola.

Anche bagnare il letto (enuresi) è di frequente osservazione nei bambini con apnea del sonno. La causa più comune di restringimento delle vie aeree è rappresentata dall’ingrandimento (ipertrofia) di tonsille e adenoidi.

Leggi anche:
Riposare bene è fondamentale per il benessere e la salute. Ecco consigli e ricerche per fare sogni sereni.

Il bambino con disturbi respiratori del sonno può diventare lunatico, disattento, ed avere tteggiamenti ipercinetici sia a casa che a scuola. Può anche essere un fattore che contribuisce a disturbi dell'attenzione in ambito scolastico.

La diagnosi di Apnea Notturna (OSAS) nei bambini dovrebbe essere considerata in tutti i casi di forte russamento, agitazione notturna o enuresi. Soprattutto se si associano sintomi comportamentali quali cambiamenti di umore, cattivo comportamento e scarso rendimento scolastico. Se si nota che il vostro bambino ha uno qualsiasi di quei sintomi diventa necessaria una valutazione otorinolaringoiatrica. Per i bambini con meno di 3 anni di età potrà essere necessario un test del sonno definito polisomnografia.

Si tratta di un esame obiettivo per la valutazione di parametri respiratori del sonno: attività cardiaca e saturazione dell’ossigeno in primo luogo. Il test non è doloroso e può essere eseguito anche a casa propria. Infatti la polisomnografia domiciliare deve essere considerata la metodica più fisiologica per la determinazione più realistica del disturbo.

La rimozione chirurgica delle tonsille e delle adenoidi è generalmente considerato il trattamento di prima linea per l’OSAS in età pediatrica. Molti bambini con apnea del sonno mostrano un miglioramento sia a breve che a lungo termine, del sonno e del comportamento, dopo l’adenotonsillectomia - T&A.

Non tutti i bambini con il russare dovrebbero essere sottoposti a T&A in quanto la procedura non esente da rischi. Potenziali problemi possono includere le complicanze dell'anestesia o emorragie, infezioni e problemi di parola e deglutizione.

Se i sintomi sono lievi o intermittenti; il rendimento scolastico e il comportamento non rappresentano un problema, o il bambino è vicino alla pubertà, può essere raccomandato una osservazione conservativa e riservare il trattamento chirurgico solo se i sintomi peggiorano.

20/01/2017
23/03/2012
TAG: Pediatria | Bambini | Polmoni e bronchi | Disturbi del sonno | SLEEP - Disturbi del sonno
Redazione Paginemediche
Scritto da:
Redazione Paginemediche