08-03-2006

A maggio del 2005 mi sono rivolto presso un

A maggio del 2005 mi sono rivolto presso un dermatologo che mi ha diagnosticato un'acne ROSACEA di III stadio, quindi mi ha prescritto degli esami del Sangue dai quali è emerso un aumento della bilirubina, nello specifico: Bilirubina diretta 0,51 mg/dl - bilirubina indiretta 2,06 mg/dl - bilirubina totale 2,57 mg/dl. Dopo ciò ho effettuato un'ecografia epatica nella quale al medico pare di notare dei possibili calcoli alla colicisti. Premetto che nei mesi precedenti, mi è comparsa un'ernia discale, contrastata con una dozzina di iniezioni di antifiammatori FANS sistemici, peraltro con esito negativo, alla quale c'è da aggiungere una situazione psicoemotiva particolare (separazione dalla coniuge - un lutto in famiglia). Pertanto vi chiedo se con tali valori della bilirubina mi devo preoccupare, anche perchè non ho disturbi apparenti, tranne questa rosacea, peraltro regredita allo stadio II, una pseudofollicolite cronica, che tuttora stò combattendo con creme; se tutto ciò può essere scatenato da un aumento della bilirubina e da questa situazione psicoemotiva. Gradirei avere un Vostro giudizio in merito e nell'eventualità unteriori esami o quant'altro da effettuare. In attesa di una gradita risposta, porgo Distinti Saluti.
Dr. Fegato.com
Risposta di:
Dr. Fegato.com
L’aumento lieve della bilirubinemia non può essere la causa dell’acne. Esso verosimilmente è da imputare alla sindrome di Gilbert, del tutto benigna.