14-04-2003

A mia sorella è stato diagnosticato un tumore a

A mia sorella è stato diagnosticato un Tumore a sede primitiva sconosciuta (loc. epatiche da adenocarcinoma di circa 8 cm.). Dal 6.08.02 viene curata con dei cicli chemioterapici ogni 15 gg. che ha dovuto sospendere per un abbassamento del potassio. L'ammalata presenta stanchezza fisica, Sonnolenza, difficoltà a mangiare, vomito, gonfiore addominale. Sono stati effettuati: TAC, risonanza, Scintigrafia ossea, PET, ecografie, aghi aspirati, biopsie, ecc. ecc. Chiedo se, dopo tutto questo, sia
possibile risalire all'origine del tumore, tuttora sconosciuta (qualche indicazione dove potersi rivolgere). Se non ci fossero altre soluzioni, cosa ci si deve aspettare? Cordiali saluti.
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
Purtroppo in alcuni casi la sede del tumore primitivo rimane ignota anche dopo l’esecuzione di numerose indagini. L’interessamento del fegato è un elemento prognostico sfavorevole.
TAG: Oncologia | Tumori
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!